A- A+
Politica
Firma l'assoluzione di Berlusconi e poi si dimette per protesta

Firma e poi si dimette. Enrico Tranfa, presidente del collegio della Corte d’Appello di Milano nel processo Ruby, secondo quanto riferisce il Corriere, prima firma la sentenza che assolve l'ex presidente Berlusconi. E poi lascia la magistratura, dopo 39 anni di carriera, con 15 mesi di anticipo sul previsto. Il gesto di Tranfa pare essere di protesta, anche senza una motivazione, assolutamente muto. Ma comunque non meno significativo. Il segno che tra i tre giudici il dissidio sulla sentenza deve essere stato profondissimo. Anche perché Tranfa, essendo il presidente, non poteva non firmare le motivazioni. Ed ecco, quindi, la decisione: appone il suo nome laddove non può non apporlo. E poi si dimette.

"OGNUNO INTERPRETI COME VUOLE" - "Mi dispiace, ma ho deciso di non aggiungere nulla ai fatti e ognuno puo' interpretarli come vuole". Lo ha detto all'Agi, Enrico Tranfa, presidente della Corte d'Appello di Milano che ieri, dopo aver firmato le motivazioni della sentenza d'assoluzione per Silvio Berlusconi nel caso Ruby, si e' dimesso a causa del dissenso con gli altri due componenti del collegio. Il giudice, che ha 70 anni e è entrato in magistratura nel 1975, ha detto che la sua è stata una decisione “meditata”. "In tutta la mia vita non ho fatto mai nulla di impulso" ha detto. Il giudice ha anche detto che seguirà il consiglio di fare molti viaggi in giro per il mondo. "Nessuno è indispensabile, tutti possono essere utili" ha concluso.

Tags:
berlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.