A- A+
Politica
Formigoni: "Il Jobs Act? Non voteremo stravolgimenti ma sono ottimista"

di Fabio Massa

Roberto Formigoni, ex governatore di Regione Lombardia e senatore Ncd, in un'intervista ad Affaritaliani.it si mostra ottimista sul Jobs Act: "I ritocchini vanno bene, ma gli accordi non si stravolgono nottetempo. Renzi e Poletti ci perderebbero la faccia e noi non voteremmo un testo inaccettabile in aula. Ma sono certo che si tratta di un grande equivoco". Poi, su Milano: "Pure io sono finito sott'acqua per le esondazioni del Seveso..." L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Senatore Formigoni, Sacconi sul Jobs Act è molto duro...
Non è soltanto la posizione di Sacconi, intendiamoci.

In che senso?
Nel senso che quella di Sacconi è la posizione uscita da un incontro tra lo stesso Sacconi e Giuliano Poletti. Quindi, se mi permette, è la posizione del governo. Ora, noi siamo coerenti e insistiamo perché la posizione concordata tra Ncd e Governo, attraverso il ministro competente, non muti.

Ma in effetti sta mutando...
Nessuno pensi di fare il gioco delle tre carte. Avevamo lanciato l'allarme la scorsa settimana. Adesso se qualcuno presenta un emendamento diverso, è chiaro che non possiamo rimanere zitti. Anche perché se si fa un accordo non è che poi lo si può cambiare nottetempo.

Ma l'emendamento ci sarà.
E' un periodo confuso. I casi sono due. O è tutto un grande equivoco, che sarebbe anche una cosa comprensibile vista la delicatezza del tema. Se fosse un equivoco lo si risolverebbe subito. Oppure l'altro caso è che la posizione del governo è cambiata, e quindi c'è un problema di delegittimazione del governo stesso.

Voi siete contro qualsiasi modifica del Jobs Act?
Bisogna andare all'esame di quelli che sono i mutamenti. Non è che noi ci siamo impiccati al testo del Senato. Semplicemente diciamo che il testo del Senato è il migliore ed è quello che ci consente di arrivare a una rapida approvazione. Però poi se si vuole introdurre qualche minimo cambiamento al Senato, che sia quello che abbiamo concordato con Poletti. Se invece vogliono cambiare tutto, si apre un problema politico serio.

Parliamo di crisi di governo?
Calma, calma, è una cosa prematura. Non ci scordiamo che il Jobs Act è stato preparato in tutti questi mesi, fin dalla primavera scorsa. Tra noi e Renzi e i suoi esperti, ci sono stati decine di incontri per mettere a punto il testo della delega e i decreti attuativi. Si è messo a punto tutto. Ora, per carità, un ritocchino dell'ultima ora è ammissibile3. Purché la sostanza non sia intaccata solo per fare un piacere alla minoranza Pd che tra l'altro Renzi ha ripetutamente schiaffeggiato. Non credo che Renzi rinuncerà a una sua bandiera.

Ma se dovesse essere modificato pesantemente? Ripeto: crisi di governo?
Semplicemente noi non voteremo mai un testo inaccettabile. Se il Jobs Act deve essere la ripetizione della Fornero noi diciamo di no. Renzi ha legato il suo nome a un cambiamento epocale della politica del lavoro. Se poi ci presenta una "fornerina", è lui a perderci la faccia per primo. Per questo io sono da una parte molto cauto e dall'altra molto ottimista.

Cambiamo discorso, Milano è in preda alle esondazioni e agli scontri con gli abusivi...
E' una situazione che stringe il cuore e fa incazzare. Tra l'altro io abito in zona Niguarda, e sono andato sott'acqua. Letteralmente.

Si dice che un emendamento della Lega Nord ha impedito interventi sul Seveso.
Effettivamente la posizione della Lega è stata da folli. Io ho avuto la casa allagata. Ma guardi, facciamo un discorso più generale: una città e una Regione vanno governati giorno dopo giorno. Non è una critica a Maroni o a Pisapia, è un'osservazione generale.

A proposito di governo della città: Lupi potrebbe sciogliere la riserva e correre da sindaco?
Avrebbe un ottimo profilo di sindaco. Ma non è questo il momento di discutere del sindaco di Milano. Lupi sta lavorando al governo, anche se il tema andrà affrontato sicuramente. Certo, Lupi lo vedrei bene. Ma prima c'è da ricostruire l'alleanza del centrodestra.

Ci sono speranze?
Diciamo che mi sembra che Forza Italia si stia accorgendo degli errori fatti. Fino ad adesso ha demonizzato il Nuovo Centrodestra e ha esaltato la Lega Nord. Ma si sono allevati una serpe in seno con Salvini. E infatti adesso Salvini si ribella e li morde. Domenica la Lega Nord supererà Forza Italia in Emilia Romagna. E Domenica gli azzurri perderanno anche la Calabria perché non hanno voluto fare un'alleanza con noi. Speriamo che adesso abbiano capito.

@FabioAMassa

Iscriviti alla newsletter
Tags:
formigonijobs act
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.