A- A+
Politica
"Garanzia SACE, via accordi sindacali.No del governo che dipende dalla CGIL"

"Il gruppo di Forza Italia nel corso della discussione del Dl liquidità ha presentato tra i vari emendamenti l’emendamento di cui sono stato io il primo firmatario", spiega ad Affaritaliani.it Mauro D'Attis, deputato di Forza Italia. "Nell’ottica della semplificazione abbiamo ritenuto opportuno eliminare la previsione di dover ricorrere agli accordi sindacali per poter ottenere la garanzia sul prestito Covid-19, visto che tra l’altro le leggi ordinarie tutelano già i rapporti sindacali. Questo emendamento è stato bocciato dalle commissioni riunite finanze e attività produttive ed è stato bocciato di fatto dal governo che così dimostra di avere una dipendenza funzionale dai sindacati e in particolare dalla Cgil che in questo caso riesce ad inserire un vincolo anche quando francamente se ne poteva fare a meno trattandosi di un prestito che è un’impresa in quanto si è trovata in un momento di difficoltà importante dovuto all’emergenza".

"Anche altri gruppi avevano presentato questo emendamento. Noi - sottolinea D'Attis - di questo emendamento ne facciamo una bandiera della nostra battaglia a favore delle imprese che non significa essere contro i lavoratori, anzi garantendo il finanziamento delle imprese in crisi possiamo così garantire il lavoro a quei dipendenti delle aziende in crisi che altrimenti sono costrette a chiudere loro malgrado". E infine: "Proveremo a ripresentare l’emendamento anche nel corso del Dl Rilancio".

L'EMENDAMENTO D'ATTIS

L'ARTICOLO 1 DEL DL LIQUIDITA'

INDUSTRIA: FI, PATUANELLI VENGA IN PARLAMENTO PER INFORMATIVA SU VERSALIS BRINDISI

”Abbiamo inviato una lettera alla presidente della Commissione Attività Produttive della Camera, Barbara Saltamartini, per chiedere l’immediata convocazione del ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, per un’informativa in merito chiusura della Versalis Spa di Brindisi.Lo scorso 20 maggio il sindaco di Brindisi dell’esercizio dell’impianto di cracking dell’impresa.Il provvedimento ha prodotto inevitabilmente la fermata immediata dell’intero Petrolchimico, coinvolgendo, oltre a ENI Versalis, tutte le altre Società coinsediate - Enipower, Basell, Chemgas, BSG, ENI Rewind - e tutte le aziende dell’indotto per oltre 1.500 lavoratori.La decisione ha provocato l’immediata reazione contraria di tutte le sigle sindacali che hanno segnalato l’arbitrarietà dell’operato del sindaco, addirittura ventilando la sussistenza del reato di procurato allarme.Stiamo parlando di una realtà di vitale importanza per l’intera provincia di Brindisi, anche in relazione al fatto che ENI è una azienda strategica partecipata dello Stato. Il governo deve prendere immediate iniziative”. Lo affermano in una nota congiunta i deputati di Forza Italia Mauro D’Attis e Paolo Barelli.

dattis foglio
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    aziende soldi ok sindacati
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid-19 alla gravidanza
    I calcoli alternativi di Gallera

    i più visti
    in vetrina
    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo

    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.