A- A+
Politica
Giustizia, Partito Radicale: raccolte 3000 firme per separazione carriere
Toga al palazzo di giustizia
 
 
Si è conclusa la conferenza stampa del Partito Radicale davanti al carcere di Regina Coeli di Roma per terminare ufficialmente la Carovana per la Giustizia portata avanti dal 29 luglio al 13 agosto in Sicilia e di cui si é occupata spesso Affaritaliani.
Nel corso del suo viaggio in Sicilia esponenti del Partito Radicale Trasnazionale hanno incontrato anche Bruno Contrada, che si é iscritto al partito ed hanno fatto visita alla Fondazione Sciascia per ricordare il famoso scrittore che du Deputato radicale ed assai attivo sui temi della giustizia.
Sergio D’Elia, Segretario di Nessuno Tocchi Caino, ha dichiarato: “Abbiamo percorso 14000 chilometri attraverso tutte le province della Sicilia per raccogliere le firme sulla proposta di legge per la separazione delle carriere dei magistrati, promossa dall’Unione delle Camere Penali. Abbiamo raccolto circa 3000 sottoscrizioni. Abbiamo organizzato dibattiti per far conoscere ai cittadini siciliani le lotte nonviolente del Partito Radicale: giustizia giusta, Stati Uniti D’Europa, Diritto alla Conoscenza. Obiettivo primario: la vita del Partito Radicale. Per farlo continuare a vivere dobbiamo raccogliere 3000 iscritti entro il 31 dicembre, altrimenti dobbiamo mettere in atto le procedure per la liquidazione. Ad oggi siamo a circa 1600 iscrizioni al Partito più antico, quello di Marco Pannella. Ringrazio l’amministrazione penitenziaria, a partire dal responsabile Santi Consolo, che ha consentito il nostro ingresso in carcere per sottoscrivere la pdl per la separazione delle carriere. Grazie anche alla polizia penitenziaria orientata quasi tutta al rispetto dei diritti umani: non sono solo agenti di custodia ma suppliscono alle carenze dello Stato per far rispettare i diritti dei detenuti. Poi c’è un sindacato che vorrebbe che le carceri tornassero a quelle di 30 anni fa e che gli agenti tornassero a fare semplicemente le guardie. Questo non è possibile”.
Francesco Petrelli, Segretario dell’Unione delle Camere Penali, ha dichiarato: “Non è un caso che le carovane per la giustizia siano iniziate davanti al carcere di Rebibbia e che si concludano dinanzi a Regina Coeli. È il carcere il luogo di sofferenza dei detenuti dove si compiono le violazioni delle garanzie. Ci vediamo uniti al Partito anche nel richiedere l’attuazione della riforma dell’ordinamento penitenziario. Nelle carceri bisogna ristabilire la legalità”.
Rita Bernardini, della presidenza del Partito Radicale: “Inizia da domani il Satyagraha - digiuno, rifiuto del carrello o il rifiuto di fare la spesa in carcere - per la ricerca della verità. Centinaia di detenuti mi hanno scritto per aderire e chiedere con noi che le carceri non siano dimenticate. Nessuno dei mezzi di informazione si è accorto che nelle carceri sta succedendo da anni qualcosa di straordinario, tranne il filosofo Aldo Masullo che ha scritto “Nelle carceri è entrato il «dialogo»! Oggi in nessun altro luogo del mondo, io credo, come nelle carceri italiane, si sviluppa e si mette alla prova la coscienza popolare che lo Stato o è stato di diritto, oppure non ha alcuna legittimazione”. Nel carcere non ci sono le rivolte nonostante le condizioni inumane e degradanti ma c’è il dialogo. Si parla solo di evasioni, di coloro che non rientrano dal permesso premio che sono una percentuale dello 0, 0 e qualcosa. Ma nessuno dice che i detenuti iniziano uno sciopero per chiedere che il Governo attui la riforma dell’ordinamento penitenziario. Orlando aveva detto che sarebbe avvenuta entro agosto, noi chiediamo che avvenga almeno entro l’estate. Il carcere ha bisogno di riforme strutturali: qualcuno ha paura a pronunciare la parola ‘amnistia’ ma intanto nelle carceri il 35% dei detenuti è in attesa di giudizio, non c’è lavoro e studio per molti di loro, manca l’affettività, la salute è carente. Abbiamo bisogno di una riforma della giustizia che veda il carcere come ultima ratio”.
Ha concluso Gian Domenico Caiazza, Responsabile dei Rapporti Istituzionali dell’Unione delle Camere Penali: “voglio sottolineare la fecondità di questo incontro tra l’UCPI e il partito radicale. Gli avvocati stanno iscrivendosi a centinaia perché hanno capito la natura transpartitica del Partito. La sopravvivenza del Partito Radicale è una garanzia per i diritti di tutti i cittadini”.
Tags:
radicali
Loading...
in vetrina
MADDALENA CORVAGLIA, fisico da urlo: guarda che verticale! Le foto delle Vip

MADDALENA CORVAGLIA, fisico da urlo: guarda che verticale! Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Nuovi vipponi in Casa. Nomination Gregoraci, lingerie da infarto...

GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS. DAYANE MELLO, DOCCIA SEXY

Nuovi vipponi in Casa. Nomination
Gregoraci, lingerie da infarto...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
WRC, Rally di Turchia, La C3 R5 di Bulacia guida nel WRC3

WRC, Rally di Turchia, La C3 R5 di Bulacia guida nel WRC3


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.