A- A+
Politica
Governo a rischio, Forza Italia lacerata. Terremoto politico sul Mes. Inside
(fonte Lapresse)

La riforma del Mes mette a rischio il governo e lacera Forza Italia. E' quanto sta accadendo attorno alla revisione del Meccanismo europeo di Stabilità approvato dall'Eurogruppo, quindi anche dal ministro dell'Economia del Pd Roberto Gualtieri. Prima Vito Crimi e poi Luigi Di Maio,  quindi due sostenitori dell'alleanza con i Dem e non il riottoso Alessandro Di Battista, hanno detto chiaramente che la riforma del Mes è peggiorativa annunciando di fatto il voto contrario in Aula dei pentastellati il prossimo 9 dicembre. "La discussione è in atto in queste ore, ma tra i nostri parlamentari l'ostilità è forte. Quasi impossibile un nostro voto a favore", confida ad Affaritaliani.it una fonte grillina. Senza i 5 Stelle, tranne magari qualche singolo deputato e senatori come Giorgio Trizzino, che ha aderito perfino all'intergruppo pro-Mes, i numeri per il governo non ci sono nemmeno alla Camera. Anzi, il no rischia di essere schiacciante vista la decisione di Silvio Berlusconi di seguire Lega e Fratelli d'Italia.

PD "MOLTO PREOCCUPATO" - Nel Partito Democratico aleggia una fortissima preoccupazione per come si stanno mettendo le cose in vista del voto in Parlamento. Gualtieri ha assunto una posizione chiara e precisa con i partner europei ed è impossibile fare marcia indietro a Bruxelles. "Pesante, non so se il governo è in pericolo ma sicuramente gliela facciamo pagare da qualche altra parte", spiega una fonte Dem commentando il quasi certo no del M5S alla riforma del Meccanismo europeo di Stabilità. La 'vendetta' di Zingaretti potrebbe colpire, ad esempio, il reddito di cittadinanza tanto caro ai pentastellati e in odore di revisione. Fatto sta che per la maggioranza si profila una prova durissima. Finora l'esecutivo aveva sempre schivato il voto in Parlamento sul Mes, proprio per nascondere le palesi divisioni nella maggioranza. Ma stavolta, salvo colpi di scena, non ci saranno escamotage a salvare il governo, almeno da una plastica spaccatura.

ESPLODE LA PROTESTA IN FORZA ITALIA - Scoppia la protesta e il malessere dei parlamentari azzurri, spiazzati dalla scelta di Silvio Berlusconi di votare contro la riforma del Mes. Subito dopo la nota del Cavaliere, in linea con le tesi della Lega e di Fratelli d'Italia, le chat di Forza Italia sono letteralmente esplose. In molti hanno ricordato come per mesi FI si sia battuta a favore del Mes, tanti di loro fanno anche parte dell'intergruppo favorevole al Mes. Quindi hanno chiesto un chiarimento immediato alle due capigruppo, che però hanno deciso di rinviare un confronto. Solo la settimana scorsa l'ex Cavaliere aveva vinto la partita nel Centrodestra sullo scostamento di bilancio convincendo con un'abile mossa Salvini e la Meloni a votare sì. Oggi il leader della Lega gli ha presentato il conto con l'ultimatum di stamattina ("stop all'alleanza con chi vota a favore della riforma del Mes") e Berlusconi, pensando anche e soprattutto alle elezioni amministrative del 2021, ha dovuto cedere alle richieste di Lega e FdI.

SALVINI E MELONI SODDISFATTI  - Soddisfazione della Lega per la decisione di Forza Italia di non votare a favore della riforma del Mes, annunciata da Silvio Berlusconi. Matteo Salvini ha "dettato la linea sul Mes senza parlarsi preventivamente con Berlusconi", sottolineano dal partito. "Il centrodestra si conferma compatto: dopo il voto sullo scostamento, trova una sintesi su un tema molto delicato e divisivo come il Mes che ancora divide la maggioranza - aggiungono -. Apprezzabile anche che Berlusconi abbia risposto a stretto giro all'appello di Salvini".  
"Fratelli d'Italia ringrazia gli alleati di Forza Italia, e in particolare Silvio Berlusconi, per averci seguito sul tema del MES e aver deciso di votare no insieme a noi il 9 dicembre in Parlamento. È una battaglia di cui Fratelli d'Italia si è fatto promotore fin da subito, che da sempre condividiamo con Matteo Salvini e la Lega e che siamo felici oggi raccolga la posizione del centrodestra unito. Il 9 dicembre scriveremo insieme una pagina di storia per difendere la sovranità nazionale dal cappio che l'eurosistema vorrebbe stringere al collo dell'Italia. Sarà l'ennesima prova di unità e di compattezza di un centrodestra che la maggioranza sperava inutilmente di riuscire a dividere". È quanto dichiara il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Commenti
    Tags:
    mes governo forza italiames newsmes notizieriforma mesriforma mes 2020forza italiagovernomes forza italia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Incubo autocertificazione Ora arriva anche sulle magliette

    Il Covid vissuto con ironia

    Incubo autocertificazione
    Ora arriva anche sulle magliette

    i più visti
    in vetrina
    Meteo marzo, clamoroso ritorno dell'inverno. Gelo e tanta neve in pianura

    Meteo marzo, clamoroso ritorno dell'inverno. Gelo e tanta neve in pianura


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa

    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.