A- A+
Politica

 

bersani quirinale

QUIRINALE: LETTA, BERSANI NON E' CANDIDATO - "Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, non e' candidat- al Quirinale, come si sostiene in alcune indiscrezioni di stampa in queste ore". Lo afferma Enrico Letta vicesegretario del Pd. "Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, sta lavorando perche' il confronto con le diverse forze parlamentari produca una candidatura largamente condivisa per la presidenza della Repubblica, cosi' come recita la Costituzione", aggiunge.

QUIRINALE: LEGA APRE A BERSANI PRESIDENTE, SEGRETARIO FRENA - Dopo Silvio Berlusconi anche la Lega avrebbe aperto questa mattina all'ipotesi che Pier Luigi Bersani possa salire al Quirinale come successore di Giorgio Napolitano. Dopo l'incontro tra il Cavalere e il leader Pd, il presidente Pdl con alcuni interlocutori non aveva escluso che al Colle piu' alto si potesse candidare anche lo stesso Bersani: non si sarebbe trattato di una proposta esplicita, ma nel delineare l'identikit del candidato non si e' escluso che la figura del leader democrat possa essere adeguata. Oggi, nel corso del lungo colloquio alla Camera, Roberto Maroni, a quanto si apprende, avrebbe fatto balenare al segretario del Pd anche questo scenario. Bersani pero' ha colto in modo assai tiepido l'idea, con in mente ancora il suo progetto di governo del cambiamento. "Gli unici colli cui penso sono quelli piacentini...", ha detto con distacco ai suoi. L'ipotesi non spiace pero' ad alcune aree del Pd, che ricordano come il ruolo del Presidente sia cruciale per i prossimi sette anni.

PD: D'ALEMA, SCISSIONE? CON RENZI AMICHEVOLE CONVERSAZIONE - "Due come noi, che dovrebbero scindersi, vengono invece da una amichevole conversazione". Cosi' Massimo D'alema, al termine dell'incontro, durato circa un'ora, con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi risponde ai giornalisti che gli chiedevano di possibili spaccature all'interno del Pd.

QUIRINALE: D'ALEMA, NO A RENZI ERRORE MA NESSUNA TELEFONATA - "Non credo che ci siano state telefonate da Roma". Cosi' Massimo D'alema, al termine dell'incontro, durato circa un'ora, con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi ai giornalisti che gli chiedevano della mancata elezione di Matteo Renzi fra i 'grandi elettori' per il nuovo Capo dello Stato. "Quel voto e' stato un errore, ma e' dipeso da dinamiche locali".

QUIRINALE: D'ALEMA, IO NON SONO CANDIDATO A NULLA - "Io non sono candidato a nulla, non ci sono candidati". Cosi' Massimo D'alema, al termine dell'incontro con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Circa l'elezione "e' stato scelto un mettodo da Bersani - aggiunge - per trovare un candidato o una candidata di alto profilo, che abbia il piu' alto consenso possibile. Chi sara' il candidato lo dira' Bersani".

D'ALEMA: "MAI ATTACCATO RENZI, PERSONALITÀ IMPORTANTE DEL PARTITO" - "Io non ho mai attaccato Renzi, era Renzi che attaccava me. Io non sono piu' parlamentare, mi sono 'autorottamato', ho promosso il rinnovamento. Dal punto di vista del mio ruolo politico, sono sempre qui, il problema è già risolto, in un senso o nell'altro". Lo ha detto Massimo D'Alema, al termine del colloquio con il sindaco di Firenze Matteo Renzi in Palazzo Vecchio, ai giornalisti che gli chiedevano dei rapporti fra lui e il 'rottamatore'. "In campagna elettorale sono venuto a Firenze tessendo gli elogi di Renzi - ha proseguito D'Alema, rispondendo a chi gli chiedeva se ritenesse Renzi potenzialmente vincente - non lo ritengo vincente, perché non ci sono le elezioni. Lo ritengo pero' una delle personalità importanti di questo partito - ha concluso l'ex premier - eù allora gli dissi che avevo apprezzato il modo in cui stava dando una mano a Bersani nel corso della campagna elettorale, dimostrando spirito di partito".

PD: RENZI, OCCUPIAMOCI DEL PAESE, NON DI 'QUESTIONUCCE' INTERNE - "Stiamo vivendo un tempo in cui la politica sta discutendo di tante questioni, alcune davvero assurde e allucinanti. Preoccupiamoci del Paese, non delle questionucce interne". Lo ha detto Matteo Renzi, sindaco di Firenze, durante l'inaugurazione di alcune case a Firenze. "Dalle citta' arrivano messaggi di bellezza e di speranza. Occupiamoci - ha concluso Renzi - delle cose concrete che riguardano i cittadini".

PD: D'ALEMA DA RENZI A PALAZZO VECCHIO - Massimo D'Alema e' arrivato da pochi minuti a Palazzo Vecchio, sede del Comune di Firenze, per un colloquio privato con il sindaco, Matteo Renzi. D'Alema era accompagnato dal neodeputato, Dario Nardella e, questo pomeriggio, terra' una lezione all'Istituto di scienze Umane.

RENZI: MOLTE COSE INUTILI. CHI VUOLE FACCIA POLEMICHE, IO LAVORO - Matteo Renzi di nuovo all'attacco contro il dibattito politico nazionale. "La politica nazionale in questi giorni discute di tante cose, molte inutili, che riguardano solo gli addetti ai lavori", ha scritto su Facebook. "Da Firenze rispondiamo lavorando sulle cose concrete", ha proseguito, "lasciamo le polemiche a chi vuole farle, noi lavoriamo".

Tags:
pdbersanifirenze

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.