A- A+
Politica
Annamaria Cancellieri

Annamaria Cancellieri può dormire sonni tranquilli. In Parlamento sono davvero pochi quelli che chiederanno le sue dimissioni. In primis il Movimento 5 Stelle che ha annunciato di aver depositato una mozione di sfiducia individuale nei confronti del Guardasigilli. Il Pdl ha fatto sapere immediatamente di non avere alcuna intenzione di mettere l'ex prefetto alla berlina. E anche Scelta Civica sta dalla parte del ministro (che ha ricoperto il dicastero degli Interni durante il governo Monti). In un primo momento si poteva pensare che nel Partito democratico ci fosse una larga parte di onorevoli che avrebbero votato per le dimissioni, ma la crisi sembra rientrata.

Le voci di dissenso venivano dall'area renziana, e in particolare dall'onorevole Ernesto Carbone e da Pina Picierno, che avevano chiesto un passo indietro del ministro. Ma nel corso delle ore è emerso che quella dei renziani non è affatto una decisione presa in maniera compatta. Si tratta piuttosto di voci fuori dal coro. Tanto che lo stesso Renzi sul caso non si è voluto esprimere. La Cancellieri può dormire sonni tranquilli quindi.

"Non c'è stata una gravissima scorrettezza, piuttosto una imprudenza, anche se quando si è ministri non si deve commettere. Non voterò le dimissioni se ci verrà chiesto di esprimerci su una mozione di sfiducia", spiega ad Affaritaliani.it Rosa Maria Di Giorgi, senatrice vicinissima al sindaco rottamatore. "Dobbiamo dire che non c'è nessun illecito penale. Nel caso di Iosefa Idem invece eravamo in presenza di un reato, anche se piccolissimo. C'è sì una amicizia con la famiglia Ligresti, ma non per questo si può parlare di reato. Di telefonate di interessamento il ministro ne ha fatte tante". E aggiunge: "Al governo c'è ancora Angelino Alfano, rimasto al suo poso dopo il caso kazako. Quello scandalo è stato ben più grave visto che abbiamo lasciato scorrazzare nei nostri ministeri, a dare ordini, personaggi che era meglio non fare entrare".
 
Al di là della vicenda Cancellieri, in Aula la posta in gioco è ben più alta. Le dimissioni o la sfiducia alla ministra rischiano di terremotare l'esecutivo. Il dicastero della Giustizia infatti è uno snodo chiave. Ed Enrico Letta difficilmente riuscirebbe a trovare una persona, apprezzata da Pd e Pdl, che possa prendere le redini del ministero senza far saltare tutto.
 

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

IL MINISTRO CANCELLIERI

"Posso anche fare un passo indietro". Lo ha detto il Guardasigilli Annamaria Cancellieri, durante la conferenza stampa a Strasburgo, rilevando che "la tenuta del Governo e' la cosa piu' importante". "Non mi sono mai permessa di intervenire sui magistrati". E aggiunge: "Non saro' mai un ministro dimezzato". Lo ha detto il Guardasigilli Annamaria Cancellieri. "Rimango se c'e' piena dignita' e rispetto", ha aggiunto.

Sono stati circa 110 gli interventi attuati in favore di detenuti in 3 mesi. Lo ha detto il Guardasigilli Annamaria Cancellieri, sottolineando che si tratta "in gran parte di miei interventi, in parte con appunti scritti e altri fatti telefonicamente e direttamente", rivolti a "casi di detenuti a Firenze, Padova, Siracusa e Roma dei quali non so il nome e non so perche' erano in carcere. So pero' che mi hanno fatto delle segnalazioni - ha spiegato - e io le ho girate agli uffici che hanno fatto naturalmente quello che era giusto fare, nella maniera piu' corretta possibile". E ancora: "Non sono mai venuta meno ai miei compiti per un amico: non lo farei neppure per un fratello".
 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cancellierirenzipd
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.