A- A+
Politica
Tolkien alla Galleria d’Arte Moderna, errore di Meloni: la letteratura non si espone
Giorgia Meloni, Guido Donzelli, Giovanbattista Fazzolari, Guido Crosetto, Ignazio La Russa immortalati come i protagonisti del film Il Signore degli Anelli  

Tolkien Tolkien alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea: l'idea di Giorgia Meloni

Il grande scrittore J.R.R. Tolkien ha avuto un merito inconscio: quello di riuscire a incarnare l’immaginario fantasy di una vasta area politica, attraverso i suoi romanzi più importanti e popolari, Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli, e il Silmarillion.

Quella destra europea che ha fagocitato convulsamente le sue dotte citazioni, le iperboli linguistiche arcaiche, reali o inventate, ci ricorda pericolosamente quanto il Nazismo si sia nutrito di Wagner e dei Nibelunghi per costruire una sua improbabile colonna sonora.

Ed è anche il caso, molto italiano e spesso fonte delle interminabili discussioni sui cosiddetti Campi Hobbit - meta preferita della giovanissima Giorgia durante la sua adolescenza politica - mentre meno importanti sono stati i tentativi Hitleriani di rubare l’arte celestiale del grande compositore di Lipsia, attraverso l’uso improprio del suo antisemitismo.

Ora siamo nell’era post-ideologica e le neo-aree politiche hanno bisogno di costruirsi i simulacri, anche culturali, che ne giustifichino l’ascesa. Giorgia dopo neppure un anno di accesso al Trono, non di Spade, né di bastoni, ha affrontato una sua idea di progetto espositivo-culturale sull’opera dell’immaginifico scrittore e ha deciso di dargli uno spazio museale romano molto importante ma affaticato come la GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.

LEGGI ANCHE: Giorgia Meloni e il milieu culturale della destra, tra fantasy ed epica

Iscriviti alla newsletter
Tags:
hobbitmelonisignore degli anelli





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.