A- A+
Politica

 

 

brunetta 500

Renato Brunetta ha duramente criticato Stefano Fassina che oggi, in due interviste, ha parlato di "guai" causati all'Italia dal governo Berlusconi.

"L'onorevole Fassina e' viceministro di un governo di coalizione. Gli insulti non si addicono al ruolo che ricopre", ha dichiarato il presidente dei deputati del Pdl. "Se vuole lasciarsi andare a prese di posizione di parte, si dimetta e torni a fare il responsabile economico del Pd, o, se preferisce, il candidato alla segreteria del suo partito", ha insistito.

Al viceministro "facciamo notare che i fatti smentiscono le sue ricostruzioni fantasiose", ha assicurato Brunetta. "Il governo Berlusconi sarebbe reo, secondo Fassina, di aver accettato l'anticipo del pareggio di bilancio nel 2013, quando il 5 agosto 2011, nel pieno della tempesta degli spread, ce lo ha chiesto la Banca Centrale Europea, con tanto di doppia firma Mario Draghi-Jean Claude Trichet", ha ricordato. "Il viceministro Fassina ricordi, e i conti sono della Banca d'Italia, che dal 2008 al 2011 il governo Berlusconi ha varato 4 manovre di finanza pubblica, aventi effetto cumulato fino al 2014 di 265 miliardi di euro, che hanno contribuito per l'80% al rispetto del vincolo del pareggio di bilancio nel 2013. Al restante 20% ha provveduto il governo Monti, con il decreto cd. 'Salva-Italia', con impatto complessivo sulle finanze pubbliche, nel triennio 2012-2014, di 63 miliardi, che si e' reso necessario a causa del peggioramento della congiuntura economica nell'intera eurozona nell'autunno 2011", ha elencato, "dove sono i guai, quindi?".

Tags:
imupdpdlfassina
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.