A- A+
Politica

PAPA: TANTI GIORNI SOLE, MA ANCHE ACQUE AGITATE E VENTO CONTRO - Nel corso del Pontificato "il Signore ci ha donato tanti giorni di sole e di brezza leggera, giorni in cui la pesca è stata abbondante; vi sono stati anche momenti in cui le acque erano agitate ed il vento contrario, come in tutta la storia della Chiesa e il Signore sembrava dormire". Così il Papa nell'ultima udienza generale in piazza San Pietro. "E` stato un tratto di cammino della Chiesa che ha avuto momenti di gioia e di luce, ma anche momenti non facili", ha detto Benedetto XVI. "Mi sono sentito come san Pietro con gli Apostoli nella barca sul lago di Galilea: il Signore ci ha donato tanti giorni di sole e di brezza leggera, giorni in cui la pesca è stata abbondante; vi sono stati anche momenti in cui le acque erano agitate ed il vento contrario, come in tutta la storia della Chiesa e il Signore sembrava dormire. Ma ho sempre saputo - ha proseguito il Papa - che in quella barca c`è il Signore e ho sempre saputo che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, ma è sua e non la lascia affondare; è Lui che la conduce, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perché così ha voluto. Questa è stata ed è una certezza, che nulla può offuscare. Ed è per questo che oggi il mio cuore è colmo di ringraziamento a Dio perché non ha fatto mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore".


 

 

PAPA: GRAZIE PER ESSERE COSI' NUMEROSI A MIA ULTIMA UDIENZA - "Vi ringrazio di essere venuti cosi' numerosi a questa ultima Udienza generale del mio pontificato". Con queste parole Benedetto XVI ha salutato la grande folla presente questa mattina in piazza San Pietro.

 

PAPA: HO FIDUCIA NEL VANGELO CHE PURIFICA E RINNOVA LA CHIESA - "In questo momento, c'e' in me una grande fiducia, perche' so, sappiamo tutti noi, che la Parola di verita' del Vangelo e' la forza della Chiesa, e' la sua vita". Lo ha confidato Benedetto XVI nella sua ultima Udienza Generale. "Il Vangelo - ha scandito il Papa - purifica e rinnova, porta frutto, dovunque la comunita' dei credenti lo ascolta e accoglie la grazia di Dio nella verita' e vive nella carita'". "Questa e' la mia fiducia, questa e' la mia gioia", ha rivelato il Papa. "Quando, il 19 aprile di quasi otto anni fa, ho accettato di assumere il ministero petrino, ho avuto ferma - ha assicurato - questa certezza che mi ha sempre accompagnato".

PAPA: HO SEMPRE SAPUTO CHE LA BARCA DI PIETRO NON E' MIA "Ho sempre saputo che la barca della Chiesa non e' mia, non e' nostra, ma e' sua, di Gesu' che non la lascia affondare". Lo ha affermato Benedetto XVI nella catechesi tenuta alla sua ultima Udienza Generale. "E' Lui che la conduce, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perche' cosi' ha voluto". "Questa e' stata ed e' una certezza, che nulla puo' offuscare", ha confidato il Pontefice, che con l'immagine della barca di Pietro squassata dai venti aveva iniziato la sua missione nell'aprile 2005. "E' per questo - ha aggiunto - che oggi il mio cuore e' colmo di ringraziamento a Dio perche' non ha fatto mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore".

PAPA: CHI ASSUME MINISTERO PETRINO NON HA PIU' ALCUNA PRIVACY - "Chi assume il ministero petrino non ha piu' alcuna privacy. Appartiene sempre e totalmente a tutti, a tutta la Chiesa. Alla sua vita viene, per cosi' dire, totalmente tolta la dimensione privata". Lo ha ricordato Benedetto XVI nella sua ultima Udienza Generale. "Il Papa - ha spiegato - appartiene a tutti e tantissime persone si sentono molto vicine a lui". "Il Papa non e' solo nel portare il suo fardello e io non mi sono mai sentito solo, ora lo sperimento in modo cosi' grande che tocca il cuore", ha assicurato.

PAPA: LA MIA RINUNCIA NON E' SCENDERE DALLA CROCE -  "Non abbandono la Croce, ma resto in modo nuovo presso il Signore Crocifisso. Non porto piu' la potesta' dell'officio per il governo, ma nel servizio della preghiera resto, per cosi' dire, nel recinto di san Pietro". Con queste parole Benedetto XVI ha spiegato il gesto della rinuncia al Pontificato alla grande folla presente in piazza San Pietro. "Il sempre e' anche un per sempre", ha scandito chiarendo che da parte sua "non c'e' piu' un ritornare nel privato". "La mia decisione di rinunciare all'esercizio attivo del ministero, non revoca questo". "Non ritorno - ha ripetuto - alla vita privata, a una vita di viaggi, incontri, ricevimenti, conferenze eccetera". "Continuero' - ha promesso Joseph Ratzinger che da domani sara' il 'Papa emerito' - ad accompagnare il cammino della Chiesa con la preghiera e la riflessione, con quella dedizione al Signore e alla sua Sposa che ho cercato di vivere fino ad ora ogni giorno e che voglio vivere sempre".

Tags:
papaudienzasan pietro
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.