A- A+
Politica
Incontro tra Pd e M5S. Non c'è Grillo. Renzi (all'ultimo secondo) sì

A sorpresa il Premier, Matteo Renzi, partecipa al vertice tra Pd e M5S per discutere sulla legge elettorale. Esprime subito il suo apprezzamento il presidente del Consiglio all'incontro con i pentastellati: "Siamo molto felici di poterci confrontare, perche' le regole si scrivono insieme".

Il primo a prendere la parola sulle questioni in oggetto dell'incontro e' stato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che ha presentato la legge depositata da M5S alla Camera e che e' stata sottoposta al vaglio della rete. Di Maio ha sottolineato: siamo a questo incontro "con spirito di responsabilita'. Sentiamo una grande responsabilita' e vogliamo che questa legge elettorale possa entrare nell'ordinamento del paese ma sappiamo di non poterlo fare da soli".

Per questo "chiediamo un confronto alla prima forza di maggioranza". "Non e' una proposta a scatola chiusa". Continua Di Maio. "Crediamo abbia tanti valori" anche perche' sottoposta al vaglio dei cittadini, ha aggiunto. "Non abbiamo intenzione di andare avanti all'infinito, pensiamo sia una legge molto valida e pensiamo si debba fare" in tempi brevi, ha detto ancora.

"Abbiamo perso sei mesi". Lo dice Matteo Renzi, ricordando ai rappresentanti del Movimento 5 stelle, l'incontro avuto con Beppe Grillo. "Se c'e' modo di confrontarci sulla legge elettorale, ne saremo felici. Se ricordate - sottolinea il premier durante l'incontro con i rappresentanti del M5s sulla legge elettorale - questo e' stato per noi un proposito fin dal primo giorno. Il 15 dicembre a Milano abbiamo lanciato la proposta con l'hashtag 'sorpresina'. La reazione di allora fu un altro hashtag, con cui Beppe Grillo liquido' la nostra proposta. Era un hashtag che non vi dico, perche' l'orario non lo consente.

Se ora, dopo aver perso sei mesi, ci si puo' confrontare, siamo molto felici", conclude Renzi.
"Siete disponibili a prendere in considerazione l'ipotesi di introdurre un elemento di ballottaggio nella legge elettorale?". Questa la prima domanda rivolta da Matteo Renzi, durante l'incontro Pd-M5S sulla legge elettorale, dopo aver sottolineato che la legge proposta dai grillini non garantisce la governabilita'.

"Vi abbiamo preso sul serio e abbiamo studiato la legge, abbiamo fatto una simulazione sui risultati delle europee e con il vostro sistema nemmeno un partito che ha preso il 40% come il Pd ora avrebbe la garanzia di governare". "Il nostro obiettivo e' assicurare la governabilita'". Matteo Renzi nell'incontro indica i paletti dell'esecutivo. "Vogliamo la certezza della governabilita'", dice il premier. Per Renzi il modello del Movimento 5 stelle, "il democratellum", e' "gravemente deficitario sotto il profilo della governabilita'".

"Noi pensiamo che la sera delle elezioni si debba sapere chi ha vinto e eventualmente siamo pronti a introdurre il ballottaggio, cioe' il secondo turno", osserva Renzi. "Noi non abbimo paura delle preferenze". "Siamo pronti a ragionare di preferenze ma se c'e' la certezza della governabilita", ha detto ancora. "Non pensate che abbiamo paura perche' quando si va a prendere i voti siamo tutti bravi a prenderli", ha detto ancora il segretario del Pd seduto al fianco di Alessandra Moretti, fra le piu' votate del Pd alle europee.
  "Io sono davvero interessato a trovare un punto di intesa e a non fare polemiche tra di noi".

"A mio giudizio il vostro sistema ha il rischio di essere oggetto di voto di scambio come le preferenze. Ma voi, oltre a questo, date al partito politico la possibilita' di allearsi con chi vuole il giorno dopo.
  Mentre il nostro sistema costringe a dire prima con chi ci si allea, con il vostro sistema si attribuisce al gruppo il potere di decidere gli alleati".

Cosi' Matteo Renzi sottolinea il secondo difetto che a suo avviso ha la proposta del M5s. "Vi chiediamo di introdurre un meccanismo 'mai piu' inciuci e mai piu' larghe intese': se ci dobbiamo mettere insieme lo diciamo prima, mentre con il Toninellum ci possiamo mettere insieme dopo". Questa la seconda richiesta, che e' anche un rilievo, di Matteo Renzi ai 5 Stelle sulla legge elettorale.
"Chiediamo se, per rispetto ai ciittadini" il Movimento 5 stelle e' d'accordo nel dire "mai piu' inciuci ne' grandi intese", ha affermato Matteo Renzi.

Sulla governabilita' risponde Di Maio: "La governabilita' e' un valore, ma deve essere meritata". Poi continua il premier con la seconda domanda ai pentastellati: "Siamo dell'idea di rimpicciolire i collegi, ci state?". Inoltre: "Siete d'accordo sulla nostra proposta di affidare alla Corte costituzionale prima il giudizio sulla legge elettorale?". Ed infine: "Siete disponibili a ragionare di riforme costituzionali?".

"E' inutile rivederci se non ci date delle risposte a questi interrogativi", conclude Renzi. "Entro venerdi' prossimo" le proposte del Pd al M5S saranno pubblicate "sul sito del Pd". Lo dice Matteo Renzi durante l'incontro con i rappresentanti del Movimento 5 stelle. "Un confronto trasparente online. Benissimo. Alla grande", dice il premier replicando a Luigi Di Maio.

L.Elettorale: Grillo soddisfatto, ma in M5S malumori su metodo  - Soddisfatto. Cosi' Beppe Grillo si e' detto per l'incontro dei suoi con la delegazione del Pd sulla legge elettorale, subito dopo la fine del confronto al quale ha partecipato Matteo Renzi. In ambienti parlamentari si apprende, tuttavia, che qualche contrarieta' fra i senatori ma anche fra i deputati, serpeggerebbe, non per i contenuti e l'esito che portera' ad un futuro incontro, ma per il fatto che l'interlocuzione con i dem sia stata condotta, oltre che dall'uomo delle riforme, Toninelli, che ha illustrato la proposta M5S, solo dal vicepresidente di Montecitorio Luigi Di Maio. Mentre, secondo alcuni parlamentari, avrebbero dovuto intervenire anche i capigruppo, presenti nella delegazione a 5 Stelle.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
grillorenzi
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.