A- A+
Politica
Pensioni e salari, aumenti nel 2023 con l'indicizzazione. Chi avrà più soldi

Per le aziende una sorta di "ricompense"


Ne ha parlato per primo Affaritaliani.it. Poi Claudio Borghi, capogruppo della Lega in Commissione Bilancio al Senato, non lo ha escluso in un'intervista sempre ad Affaritaliani.it. Il prossimo anno - in un provvedimento che esula dalla Legge di Bilancio appena arrivata in Parlamento - potrebbe essere introdotta per legge l'indicizzazione trimestrale di pensioni e stipendi all'inflazione. Una sorta di ritorno al passato, di ritorno alla scala mobile. L'ipotesi è al vaglio dei tecnici di Palazzo Chigi e del ministero dell'Economia e delle Finanze laddove l'inflazione (esogeno, in quanto importata da fattori esterni e non endogena cioè interna) restasse per altri mesi sopra il 10%.

L'obiettivo è quello di difendere il potere d'acquisto di pensionati e lavoratori e il provvedimento - stando a quanto risulta ad Affaritaliani.it - verrebbe preferito ad altri bonus tipici dell'era Conte. Per le pensioni, che oggi vengono indicizzate all'inizio dell'anno, passare all'aggancio al costo della vita ogni tre mesi costerebbe allo Stato meno di un miliardo di euro. Anche se tecnicamente si deve parlare di mancato guadagno per l'Erario (Il Pil per lo Stato è incluso di inflazione. Se il debito non è indicizzato - e infatti non lo è - e pensioni e salari nemmeno per lo Stato è come se debito e spese si riducessero della stessa percentuale dell'inflazione. Infatti il rapporto debito-Pil scende).

L'ipotesi è quella di non far aumentare tutti gli assegni pensionistici, escludendo quelli più alti e con un sistema graduale e a scalare che premi maggiormente chi percepisce di meno. Ad esempio, intorno ai 2.000 euro lordi di pensione al mese l'indicizzazione potrebbe essere attorno all'8% ogni tre mesi. Ci sono poi gli stipendi e i salari dei lavoratori dipendenti (per quelli pubblici il costo sarebbe ovviamente a carico dello Stato) per i quali l'esborso arriverebbe dalle aziende private. Lo Stato avrebbe un piccolo, ma significativo, incremento di Irpef e per le imprese verrebbe studiato un meccanismo di compensazione per il maggiore esborso (ad esempio qualche forma di defiscalizzazione ulteriore per i giovani o di incentivo per chi investe). Anche per i lavoratori dipendenti l'aumento trimestrale legato al costo della vita e al caro-prezzi sarebbe graduale premiando i redditi più bassi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
indicizzazione salari stipendi pensioni inflazione





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.