A- A+
Politica
Inno dell'Urss per la Cgil davanti a Landini. Malan (FdI): "Si dimetta"

Cgil: inno Urss, FdI critica sindacato e chiede scuse a Landini

"Landini si scusi e condanni pubblicamente quanto avvenuto ieri a Bologna al Circolo Arci San Lazzaro di Savena: l'elezione del segretario locale della Cgil è stata salutata con l'inno dell'Urss. È un'offesa alle tante vittime del popolo ucraino che combattono per la libertà. E Landini, che era presente all'evento, ne prenda immediatamente le distanze". A chiederlo è il capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera Tommaso Foti. A cui si aggiunge anche il presidente dei senatori, Lucio Malan: “Landini chiarisca o si dimetta. È inaccettabile che l’elezione del nuovo segretario della Cgil di Bologna, alla presenza dello stesso Landini, sia salutata dalle note dell’inno sovietico. Sempre che l’intento non fosse quello di celebrare la Russia di oggi visto che nel 2000 Vladimir Putin lo reintrodusse - cambiando in parte il testo - come inno della Federazione Russa, sostituendo il Canto Patriottico di epoca zarista, inno nazionale dal 1991. Si tratta di un episodio incredibile. Come si può celebrare una dittatura responsabile di milioni di morti, tra i quali milioni di ucraini sterminati per fame nel Holodomor negli anni ‘30, del tutto incompatibile con i valori della nostra Repubblica? Ci attendiamo perciò un immediato chiarimento da parte della Cgil, ed a nessuno venga in mente di parlare di goliardi”, incalza il capogruppo di FdI.

"Quanto accaduto a Bologna, dove l'elezione del segretario locale della Cgil è stata salutata con l'inno dell'Urss, fa comprendere come ancora oggi ci sia chi, ai vertici della Cgil, si rifaccia a un passato buio del secolo scorso, ignorando i milioni di morti fatti dall’URSS e dal Comunismo in tutto il mondo. Se non vi sarà una immediata condanna da parte del segretario Landini questo fatto farà totalmente venir meno la credibilità del sindacato nelle proprie istanze facendole apparire come mere lotte ideologiche e non legate alla tutela dei lavoratori”, aggiunge Gianluca Vinci, deputato di Fratelli d’Italia, mentre per Alice Buonguerrieri si tratta di "una scena surreale e fuori dal tempo, una scena che lascia basiti e senza parole, e particolarmente grave visto il momento geopolitico".  

“Alla faccia dei campioni della libertà e della democrazia. Questa sinistra dimostra giorno dopo giorno tutta la sua ipocrisia", dichiara il vicepresidente vicario del gruppo di Fratelli d’Italia al Senato, Raffaele Speranzon. “L’inno dell’Urss per acclamare il nuovo segretario della Cgil di Bologna, Michele Bulgarelli. Stiamo tornando indietro con la storia, una storia macchiata del sangue di milioni di persone. Sarebbe il caso che Maurizio Landini spiegasse quanto accaduto perché è davvero un fatto inaccettabile, oppure che rassegni le sue dimissioni in caso di silenzio”, chiede il senatore Michele Barcaiuolo.

"È una vergogna. Riteniamo a questo punto doveroso che il segretario nazionale della Cgil Maurizio Landini, presente all’evento senza prendere le distanze dall'episodio, si dimetta immediatamente. Non è tollerabile, infatti, che la più grande organizzazione sindacale italiane abbia simpatie per il sanguinario totalitarismo comunista”, scandisce Alberto Balboni, presidente della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cgillandinimalanurss





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.