A- A+
Politica

Ernesto in inglese fa Ernest, e si legge quasi identico a "earnest", aggettivo che significa "onesto, sincero, affidabile". Su questa assonanza giocò Oscar Wilde nell'arcinota commedia "The importance of Being Earnest", la quale ha per protagonista un funambolico Ernesto che è tutto tranne che onesto. In italiano la traduzione di quel titolo ha sempre dato problemi visto che fra il nostro "onesto" e il nome Ernesto il giochino di parole non riesce perfetto. Si è provato con Franco, che è forse la soluzione migliore. Tuttavia se un redivivo Oscar Wilde frequentasse oggi la scena nostrana credo opterebbe per Matteo: l'importanza di essere Matteo è divenuta,  actually,  una qualità degna di un grande commediografo.

Due luminosi esempi: Matteo Renzi e Matteo Salvini. Per quella recondita armonia che a volte lega i destini degli uomini a quelli dei loro nomi (nomen homen) i due giovanotti di successo hanno in quel po' di mattana infusa dalla fonte battesimale la loro vera forza e la loro straordinaria simiglianza. Ciò che è folle in altri è vincente in loro, ciò che è irrazionale dà loro ragione. Perché, sempre di più, la ragione si dà ai Matteo. Nel giro di una settimana abbiamo visto Matteo leghista nominare un negro (che con la "g" vuole essere appellato) responsabile delle Politiche per l'immigrazione della Lega Nord per l'indipendenza della Padania e, insieme, stringere alleanza con Casa Pound, proclamando da una loro casa occupata a Roma che i bianchissimi neo-fascisti (che con il "neo" vogliono essere appellati) "hanno fatto più di Renzi per i poveri italiani". L'altro, il Matteo socialista, ha snobbato e sfanculato i sindacati (CGIL in primis) fino a ieri. Ieri ha annunciato che domani li incontrerà per discutere di Articolo 18 e TFR e dopodomani si presenterà al vertice europero di Milano con la Riforma sul lavoro bell'è fatta, approvata dal Parlamento. Quello che manda ai matti non è la contraddizione, è la velocità. La velocità del contropiede. La velocità con cui tutto e il suo contrario vengono shakerati dai due frenetici barman è, alla fine, il segreto del cocktail. Ma chi se lo beve? Tanti. Tantissimi renziani e tantissimi salviniani (la Lega è in continua crescita e oramai punta alla doppia cifra nei sondaggi) non notano nulla di sbagliato, anzi. Il Matto Matteo piace, stuzzica, inebria le folle. E i folli sembriamo noi che ancora chiediamo come?  perché? in che senso? Domande inutili: nella commedia degli equivoci il finale conta poco, è l'intreccio delle apparenze, il gioco degli specchi, la sorpresa, l'assurdo a divertire il pubblico. Che applaude i due Matteo  e ne fa due mattatori perfetti di questo Teatrino dell'assurdo che è - di nuovo, di vecchio - la sedicente Politica italiana.

Stefano Golfari

 

Tags:
matteo renzimatteo salvini
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.