A- A+
Politica
Maternità surrogata, Roccella: “Sui bambini mi aspetto convergenza di tutti"

Roccella ha ricordato che "permane la condanna dell'utero in affitto, stabilita dalla legge 40, e ribadita piu' volte da diverse sentenze della Corte Costituzionale. Recentemente anche la Corte di Cassazione, il 30 dicembre 2022, in Sezioni Unite, con la sentenza numero 38162 ha affermato con chiarezza che tale pratica "offende in modo intollerabile la dignita' della donna e mina nel profondo le relazioni umane, assecondando un'inaccettabile mercificazione del corpo, spesso a scapito delle donne maggiormente vulnerabili sul piano economico e sociale". Nella stessa sentenza - ha proseguito la ministra - la Cassazione ha poi indicato che "l'automatismo del riconoscimento del rapporto di filiazione con il genitore di intenzione sulla base del contratto di maternita' surrogata e degli atti di autorita' straniere che riconoscono la filiazione risultante dal contratto, non e' funzionale alla realizzazione del miglior interesse del minore, attuando semmai quello degli adulti che aspirano ad avere un figlio a tutti i costi".

"La Corte - ha osservato la ministra - ha quindi escluso ogni automatismo nella trascrizione degli atti di nascita prodotti all'estero a seguito di procedure di utero in affitto, sottolineando come la trascrizione automatica non sia in funzione dei diritti del minore, ma di quelli dell'adulto. Richiamando precedenti sentenze in merito, sia della stessa Cassazione che della Corte Costituzionale, la pronuncia della Cassazione dello scorso dicembre individua quindi nell'adozione in casi particolari, il percorso da seguire per eventualmente assicurare il rapporto genitoriale del minore con il partner del genitore biologico. Il governo nei propri atti - ha concluso Roccella - e' dunque tenuto al rispetto del quadro normativo che ho illustrato, sul quale poi e' facolta' del legislatore eventualmente intervenire".

Gasparri: “Ok i diritti, ma non la vendita di bambini”

L’onorevole Maurizio Gasparri di Forza Italia sostiene a gran voce la proposta di Roccella, con cui condivide nelle parole, anche l’associazione in termini di “compravendita di ovociti”. Gasparri per primo aveva presentato l’autunno scorso un Ddl per modificare l’art. 1 del Codice civile in materia di "riconoscimento della capacità giuridica del concepito”, riguardo alla questione aborto sempre attuale nel dibattito.

La Roccella, dl canto suo, rassicura gli oppositori politici con parole ferme: “Noi andremo avanti tutelando i diritti bambini, che non possono essere comprati e venduti, le famiglie e il diritto naturale e ci aspettiamo un coro unanime quando si discuteranno le norme, alla Camera e al Senato, contro l’utero in affitto”.

Il Pd si è espresso completamente contrario e indisponibile a trovare alcun compromesso su questo, sostenuto da tutti coloro che sostengono la comunità queer e il loro diritto alla genitorialità

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gestazione per altrimaternità surrogataroccella minori utero affitto





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.