A- A+
Politica

Di Gianni Pardo

Alcuni si chiedono se non si sia venduta la pelle dell’orso prima di averlo ammazzato. Se cioè non si sia dato troppo presto per spacciato Silvio Berlusconi, forse con ciò tradendo un segreto desiderio. In realtà il pessimismo potrebbe non avere nulla a che vedere con l’ostilità a quell’uomo. Una persona mentalmente sana non gioisce mai degli infortuni altrui. Romano Prodi Primo Ministro non era una persona simpatica a molti. Quel suo modo di sorridere e di farfugliare con fare vagamente parrocchiale ispirava un incompressibile moto di fastidio. Ma come non sentire un’umana simpatia per il modo in cui, dopo i mille sforzi da lui fatti per tenere insieme una maggioranza scombiccherata, fu cacciato da Palazzo Chigi dopo meno di due anni? Bersani poteva stufare con i suoi paragoni caserecci, ma come non simpatizzare con lui quando, dopo che non riuscì a combinare un governo con i “grillini”, gli si fece pagare, solo a lui, un errore che era stato di tutto il partito? Figurarsi dunque se si può gioire del tramonto di Berlusconi. Soprattutto pensando che è stato annichilito più da una persecuzione giudiziaria che da una lotta politica vincente. L’ipotesi che la parabola di Berlusconi sia finita solo per una magra figura in Parlamento non nasce dal piacere di infierire sull’idolo caduto: nasce dalla qualità stessa di quel personaggio. Il grande leader è tale perché vede la soluzione giusta mentre tutti gli altri non la vedono. E cessa di essere tale quando sbaglia clamorosamente. Perché l’incanto si rompe. Per giunta intorno a Berlusconi si è consolidata la leggenda secondo cui lui non è il leader, e neppure il capo del suo partito: ne è il padrone.

Del Pdl si è sempre parlato come di un “partito proprietario” e degli aderenti ad esso come di yes men. Ed ecco che ora i suoi non gli obbediscono più: questo è l’incanto che si rompe. Mentre il Pd è sempre stato visto come un partito plurale, e perfino caotico, il Pdl è sembrato come un nickname di Berlusconi. La gente parlava di votare per lui o contro di lui. Non solo quest’uomo è stato mitizzato da chi lo votava, è stato mitizzato soprattutto da chi lo odiava. Fino a farne un colosso, un gigante che poteva stare a gambe larghe con un piede in Sicilia e uno in Lombardia. Se per la sinistra era la “causa di ogni male”, era per ciò stesso il primo motore del Paese. Un tale personaggio non può permettersi una figuraccia squalificante. In passato a sinistra lo crocifissero per uno sciocco lapsus (“Romolo e Remolo”), figurarsi se non lo si considererà l’ombra di sé stesso dopo che il partito gli ha disobbedito. Dopo che ai contestatori è riuscito il tentativo che a Fini è costato la vita politica. Ora che si può contestarlo e sopravvivere. Naturalmente non si può essere sicuri di ciò che avverrà. Per Napoleone ci fu un futuro anche dopo l’Elba. Ma le previsioni ragionevoli rimangono negative. Presto sarà agli arresti domiciliari o affidato ai servizi sociali (nientemeno!), decadrà da senatore e rischierà che un qualche pm di provincia in cerca di visibilità lo faccia mettere in galera: perché potrebbe fuggire, potrebbe reiterare il reato, potrebbe indurre le sue figlie alla prostituzione. È veramente possibile continuare ad essere leader di un grande partito, in queste condizioni? Berlusconi ha commesso l’errore di non riconoscere in tempo i segnali.

Finché la Cassazione lo ha assolto dalle mille accuse che gli sono state rovesciate addosso, ha contato sul fatto che, dopo tutto, a Berlino ci sarebbe sempre stato un giudice. Dopo che è stato condannato per azioni altrui di cui sarebbe stato “informato”, senza neppure dire da chi (l’ha chiesto l’avv.Coppi, dopo l’intervista del Presidente Esposito), il buon senso avrebbe dovuto comandargli di prendere un aereo per le Bahamas e restarci. Invece ha voluto resistere ad ogni costo. Come non sapesse che non si può vincere se anche l’arbitro tira nella nostra porta. E qui l’arbitro non rischia nulla: né una sanzione disciplinare, né la disapprovazione del pubblico, artatamente indottrinato a credere che “le decisioni dell’arbitro non si discutono, si rispettano e si applicano”. Proprio Berlusconi, che è stato considerato l’arcinemico della magistratura, ha avuto in essa una fiducia che Piero Calamandrei non si sarebbe mai sognato d’avere. Se l’avessero accusato di avere rubato la Madonnina del Duomo di Milano, disse, si sarebbe dato alla latitanza. E dire che, in materia di magistratura, erano altri tempi.

pardonuovo.myblog.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconipellegoverno
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca

Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.