BANNER

Secondo il settimanale Oggi, sono in corso grandi manovre per riportare in Italia la salma di Vittorio Emanuele III

, sepolto dal 1947 nella chiesa di Santa Caterina ad Alessandria d’Egitto. Nel numero della rivista domani in edicola (e anche su www.oggi.it), si rivelano i retroscena di un’operazione ancora coperta dal massimo riserbo, ma già seguita con la massima attenzione da ambienti politici, circoli monarchici e sotto la sorveglianza speciale delle Comunità ebraiche italiane.

Tutto è cominciato con una lettera inviata il 21 agosto scorso alla presidenza del Consiglio. Firmata Ugo d’Atri, presidente delle Guardie d’Onore incaricate di vegliare sulle sepolture dei re d’Italia al Pantheon, la missiva illustra la situazione venutasi a creare in Egitto e, facendo riferimento ai ripetuti attacchi ai danni di chiese cristiane, conclude chiedendo al premier Enrico Letta di "esaminare la possibilità di un urgente intervento del Governo Italiano per la traslazione in Italia della salma del re Vittorio Emanuele III, attualmente sepolto nella chiesa di santa Caterina ad Alessandria d’Egitto".

Commenta Davide Colombo, segretario nazionale dell’Unione Monarchica: "Si è aperto un dibattito che tra l’altro vede coinvolti anche molti parlamentari di provata fede repubblicana. Vittorio Emanuele III è stato capo dello Stato Italiano per quasi mezzo secolo. Non possiamo permettere che la sua sepoltura sia a rischio di atti vandalici. Sarebbe un vilipendio alla nostra storia, alla nostra immagine di Paese". Nella lettera di d’Atri si fa preciso riferimento alla disponibilità delle guardie d’onore a coprire ogni onere finanziario e quindi l’operazione potrebbe avvenire a costo zero. Il problema, secondo indiscrezioni raccolte in ambiente parlamentari, è un altro.

Vittorio Emanuele III nel 1938 firmò le leggi razziali e in questo momento con la memoria ancora fresca del caso Priebke, nessuno ha voglia di provocare reazioni ostili, in particolare dalla comunità ebraica. Interpellato da Oggi per un commento, Renzo Gattegna, presidente delle Comunità ebraiche, ribadisce la condanna pronunciata a Trieste commemorando i 75 anni dall’entrata in vigore delle leggi: "Come biasimare i deputati se lo stesso Capo dello Stato, il re Vittorio Emanuele III, infangò e distrusse qualsiasi prestigio morale della sua dinastia apponendo la propria firma al famigerato regio decreto numero 1390?".

2013-11-26T15:45:27.397+01:002013-11-26T15:45:00+01:00truetrue1546116falsefalse6Politica/politica4130908115462013-11-26T15:45:27.443+01:0015462013-11-26T15:51:35.48+01:000/politica/la-salma-di-vittorio-emanuele-iii261113false2013-11-26T15:48:34.113+01:00309081it-IT102013-11-26T15:45:00"] }
A- A+
Politica

 

 

RE VITTORIO EMANUELE III

BANNER

Secondo il settimanale Oggi, sono in corso grandi manovre per riportare in Italia la salma di Vittorio Emanuele III

, sepolto dal 1947 nella chiesa di Santa Caterina ad Alessandria d’Egitto. Nel numero della rivista domani in edicola (e anche su www.oggi.it), si rivelano i retroscena di un’operazione ancora coperta dal massimo riserbo, ma già seguita con la massima attenzione da ambienti politici, circoli monarchici e sotto la sorveglianza speciale delle Comunità ebraiche italiane.

Tutto è cominciato con una lettera inviata il 21 agosto scorso alla presidenza del Consiglio. Firmata Ugo d’Atri, presidente delle Guardie d’Onore incaricate di vegliare sulle sepolture dei re d’Italia al Pantheon, la missiva illustra la situazione venutasi a creare in Egitto e, facendo riferimento ai ripetuti attacchi ai danni di chiese cristiane, conclude chiedendo al premier Enrico Letta di "esaminare la possibilità di un urgente intervento del Governo Italiano per la traslazione in Italia della salma del re Vittorio Emanuele III, attualmente sepolto nella chiesa di santa Caterina ad Alessandria d’Egitto".

Commenta Davide Colombo, segretario nazionale dell’Unione Monarchica: "Si è aperto un dibattito che tra l’altro vede coinvolti anche molti parlamentari di provata fede repubblicana. Vittorio Emanuele III è stato capo dello Stato Italiano per quasi mezzo secolo. Non possiamo permettere che la sua sepoltura sia a rischio di atti vandalici. Sarebbe un vilipendio alla nostra storia, alla nostra immagine di Paese". Nella lettera di d’Atri si fa preciso riferimento alla disponibilità delle guardie d’onore a coprire ogni onere finanziario e quindi l’operazione potrebbe avvenire a costo zero. Il problema, secondo indiscrezioni raccolte in ambiente parlamentari, è un altro.

Vittorio Emanuele III nel 1938 firmò le leggi razziali e in questo momento con la memoria ancora fresca del caso Priebke, nessuno ha voglia di provocare reazioni ostili, in particolare dalla comunità ebraica. Interpellato da Oggi per un commento, Renzo Gattegna, presidente delle Comunità ebraiche, ribadisce la condanna pronunciata a Trieste commemorando i 75 anni dall’entrata in vigore delle leggi: "Come biasimare i deputati se lo stesso Capo dello Stato, il re Vittorio Emanuele III, infangò e distrusse qualsiasi prestigio morale della sua dinastia apponendo la propria firma al famigerato regio decreto numero 1390?".

Tags:
vittorio emanuele iiiguerrareitaliasalma
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.