"Serve una iniziativa del Pd sulla legge elettorale. Doppio turno di coalizione, Mattarellum o doppio turno di collegio: queste sono le tre ipotesi in campo". Paolo Gentiloni spiega bene quali sono le alternative di fronte alle quali si trova il governo e la maggioranza che lo sorregge. Dopo la bocciatura del Porcellum da parte della Consulta infatti, il Parlamento si deve affrettare ad approvare, almeno in uno dei due rami del Parlamento, una riforma della legge elettorale. Il limite temporale è fissato nel giorno in cui verranno depositate le motivazioni: qualche settimana. Nei palazzi romani i telefoni sono bollenti in un carosello di chiamate per cercare di trovare la quadra.

Tutti aspettano il verdetto delle urne che domenica incoroneranno il nuovo segretario del Partito democratico. Matteo Renzi si sente la vittoria in tasca e sta stilando la sua proposta di riforma della legge elettorale che renderà pubblica solo lunedì e sulla quale dovrà trovare la convergenza degli altri partiti di governo. "Serve una legge che consenta agli italiani di scegliere chi deve governare e che stabilisca in maniera chiara chi ha vinto e chi ha perso. Il proporzionale puro è da escludere", spiega ad Affaritaliani.it Roberto Cocianich, senatore democratico vicinissimo a Matteo Renzi. Il sistema più gettonato è quello dei sindaci, ovvero un maggioritario a doppio turno. Collegi uninominali, i due candidati che prendono più voti vanno al ballottaggio e vince quello che arriva primo. Fine. Un sistema che non assicura la governabilità, ma che costruisce sistemi più stabili e chiari.

Ma la legge elettorale non è la sola riforma sul tavolo. Enrico Letta ha pronte due proposte di riforma costituzionale che dovrebbero servire a snellire il sistema istituzionale e che dovrebbero avere l'avvallo del sindaco di Firenze. "Il numero dei parlamentari è francamente esagerato, deve essere tagliato", spiega ancora Cocianich. "Negli Usa ci sono un centinaio di senatori per 300 milioni di cittadini, noi ne abbiamo più di trecento. Inoltre bisogna rivoluzionare il bicameralismo perfetto, in modo da avere una legislazione più rapida e efficiente". Cancellare Palazzo madama insomma o almeno ridurlo nel numero e nelle competenze, trasformandolo in un organo specializzato in materie territoriali.

 twitter@Tommaso5mani

2013-12-05T11:50:35.667+01:002013-12-05T11:50:00+01:00truetrue1356116falsefalse6Politica/politica4131025013562013-12-05T11:50:35.743+01:0013562013-12-05T14:23:47.97+01:000/politica/legge-elettorale-e-riforme-ecco-le-proposte-di-renzi051213false2013-12-05T12:02:36.807+01:00310250it-IT102013-12-05T11:50:00"] }
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani

 


 

"Serve una iniziativa del Pd sulla legge elettorale. Doppio turno di coalizione, Mattarellum o doppio turno di collegio: queste sono le tre ipotesi in campo". Paolo Gentiloni spiega bene quali sono le alternative di fronte alle quali si trova il governo e la maggioranza che lo sorregge. Dopo la bocciatura del Porcellum da parte della Consulta infatti, il Parlamento si deve affrettare ad approvare, almeno in uno dei due rami del Parlamento, una riforma della legge elettorale. Il limite temporale è fissato nel giorno in cui verranno depositate le motivazioni: qualche settimana. Nei palazzi romani i telefoni sono bollenti in un carosello di chiamate per cercare di trovare la quadra.

Tutti aspettano il verdetto delle urne che domenica incoroneranno il nuovo segretario del Partito democratico. Matteo Renzi si sente la vittoria in tasca e sta stilando la sua proposta di riforma della legge elettorale che renderà pubblica solo lunedì e sulla quale dovrà trovare la convergenza degli altri partiti di governo. "Serve una legge che consenta agli italiani di scegliere chi deve governare e che stabilisca in maniera chiara chi ha vinto e chi ha perso. Il proporzionale puro è da escludere", spiega ad Affaritaliani.it Roberto Cocianich, senatore democratico vicinissimo a Matteo Renzi. Il sistema più gettonato è quello dei sindaci, ovvero un maggioritario a doppio turno. Collegi uninominali, i due candidati che prendono più voti vanno al ballottaggio e vince quello che arriva primo. Fine. Un sistema che non assicura la governabilità, ma che costruisce sistemi più stabili e chiari.

Ma la legge elettorale non è la sola riforma sul tavolo. Enrico Letta ha pronte due proposte di riforma costituzionale che dovrebbero servire a snellire il sistema istituzionale e che dovrebbero avere l'avvallo del sindaco di Firenze. "Il numero dei parlamentari è francamente esagerato, deve essere tagliato", spiega ancora Cocianich. "Negli Usa ci sono un centinaio di senatori per 300 milioni di cittadini, noi ne abbiamo più di trecento. Inoltre bisogna rivoluzionare il bicameralismo perfetto, in modo da avere una legislazione più rapida e efficiente". Cancellare Palazzo madama insomma o almeno ridurlo nel numero e nelle competenze, trasformandolo in un organo specializzato in materie territoriali.

 twitter@Tommaso5mani

Tags:
legge elettoraleriformerenzipd
in evidenza
Festival Economia: "Professione Manager" Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Il direttore di affaritaliani a Trento

Festival Economia: "Professione Manager"
Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.