A- A+
Politica

 

letta camera (2)

"Ci sono le condizioni per fare cose positive e approvare il programma sul quale il Parlamento mi ha dato la fiducia". Enrico Letta spende parole di fiducia e nel suo incontro a tutto campo con i giornalisti della Stampa estera guarda avanti senza vedere troppe nuvole all'orizzonte. "Le cose stanno andando bene" e ci sono "tutte le condizioni per approvare il programma che ha avuto la fiducia del Parlamento", garantisce il presidente del Consiglio.

Certo, c'e' anche quello che accade intorno a Palazzo Chigi a influire sulla sua navigazione ma "vedo il governo stabile e concentrato sui suoi obiettivi. Non credo ci saranno conseguenze da vicende esterne, anche di natura giudiziaria", spiega a proposito di ripercussioni della sentenza della Consulta sul caso Mediaset.

Intanto, garantisce, "non sento sofferenza in quello che sto facendo, sento molta attesa e impegno. Vivo questa esperienza, giorno per giorno, con grande determinazione. Se ogni tanto non sorrido e' perche' caratterialmente sono cosi' ma in privato sorrido molto. Ci saranno occasioni - assicura - per sorridere". "La sensazione e il sentimento di partenza e' che a 50 giorni dall'inizio di questo impegno, anche se a me sembra una vita - aggiunge - le cose stanno andando bene, come mi aspettavo e come speravo". Insomma, "sento che c'e' energia positiva che si sta liberando".

Uno dei punti caldi resta quello della legge elettorale. "Votare con questa ci riporterebbe, come nel Gioco dell'oca, alla casella di partenza: e' molto meglio lavorare per ottenere risultati sul rilancio economico e contemporaneamente fare la riforma costituzionale e della legge elettorale", ribadisce Letta. Il presidente del Consiglio ha anche ripetuto che "sara' possibile arrivare ad una nuova legge elettorale in 18 mesi. Questo e' il tempo che ci siamo dati".

"Non vedo elezioni anticipate a breve. Non mi sembra che ci sia questa situazione", garantisce. Echi della decisione della Consulta continuano, comunque, ad arrivare dal Pdl. Michaela Biancofiore ritiene che "ieri e' venuto meno il principio cardine della democrazia, ovvero la leale collaborazione tra poteri" e anticipa che "faro' ricorso personale, se il Presidente mi dara' il via libera, alla Corte dei diritti e di giustizia europea affinche' possa avere un giusto processo".

BONDI - "C'e' qualcosa nelle parole di Enrico Letta che non mi convince. Entro certi limiti capisco la sua necessaria prudenza e la sua felpata capacita' di dissimulare, ma ci sono questioni storiche, politiche e umane, su cui non si puo' democristianamente glissare". E' ancora Sandro Bondi a pungolare l'inquilino di Palazzo Chigi ricordandogli che una delle questioni da gestire con diverso profilo e' "la sorte, ad esempio, di un leader politico come il Presidente Silvio Berlusconi, vittima da decenni di una barbara attenzione giudiziaria, grazie al quale l'attuale governo si e' costituito cosi' come quello precedente di Monti". Altro argomento caldo, osserva il coordinatore Pdl, sempre riferendosi a Berlusconi, e' "la questione della sua presunta ineleggibilita', cosi' come altre questioni dirimenti non solo per il futuro del governo ma per il futuro dell'Italia". Tutte questioni, avverte Bondi, che "richiederebbero giudizi politici intellettualmente onesti e coraggiosi anche da parte del presidente del Consiglio".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
letta
in evidenza
Tavares: "In Italia fabbriche più costose Il futuro dipenderà dai vincoli politici"

Transizione, parla il Ceo di stellantis. L'1/03 il nuovo piano

Tavares: "In Italia fabbriche più costose
Il futuro dipenderà dai vincoli politici"

i più visti
in vetrina
Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina

Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.