A- A+
Politica
Vincenzo Visco

L'ex viceministro dell'Economia, Vincenzo Visco, non vuole saperne di andare in pensione. Così risponde picche al rettore della Sapienza che con una "garbata lettera" lo aveva invitato a farsi da parte andando in pensione. Niente da fare.

Rimasto con la sola poltrona dell’università, il 71enne si è visto recapitare, il 21 giugno scorso, una nota del rettore Luigi Frati, con cui gli veniva comunicato il “collocamento a riposo” a partire dal 1 luglio. Visco, come racconta La Notizia, ha impugnato il provvedimento del rettore davanti al Tar del Lazio e il giudice Franco Bianchi non ha perso tempo, sospendendo l’atto che mandava a casa l’economista. Il ricorso dovrà essere discusso il prossimo 17 luglio. Il ricorso verrà discusso sia con l'ateneo ma anche con il Ministero della ricerca e dell'Università guidato dalla sua collega Maria Chiara Carrozza.

Tags:
viscosapienza
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.