A- A+
Politica
"Lotta alla Mafia, con Meloni il vento è cambiato". Intervista
Wanda Ferro (sottosegretario Interno) con Giorgia Meloni

"L’Italia ha l’impianto normativo più avanzato al mondo""

L'arresto di Matteo Messina Denaro è una vittoria dello Stato e in qualche modo anche del governo Meloni?
"E’ una vittoria straordinaria dello Stato, perché oggi è stata scritta una pagina storica nella lotta alla mafia. Il merito di questo straordinario risultato va dato agli investigatori, agli uomini e alle donne in divisa, ai magistrati, a tutti coloro che negli anni hanno lavorato ogni giorno, con dedizione e sacrifici personali, per catturare Matteo Messina Denaro dopo trenta anni di latitanza.  Di questi uomini e queste donne l’Italia è fiera. Certo per me è motivo di grandissima emozione che l'operazione si sia conclusa proprio con il governo Meloni. E’ il segno che il vento è cambiato nella giusta direzione, e che lo Stato ha smesso di indietreggiare nella lotta alla mafia. Non a caso il primo provvedimenti del governo è stato a difesa dell’ergastolo ostativo, uno strumento decisivo nel contrasto alle mafie nato dalle intuizioni di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.  Il mio auspicio ora è che Messina Denaro scelga di collaborare, contribuendo a ricostruire le pagine più buie e dolorose della storia della nostra Nazione, e perché si possa da subito intervenire su eventuali nuovi assetti". 

Qual è l'insegnamento che arriva da questo arresto eccellente per l'azione dello Stato nel contrasto alla criminalità organizzata?
"Che la mafia si può battere, con determinazione e unità di intenti. Il governo vuole portare avanti questa battaglia mettendo in campo i provvedimenti più efficaci per sostenere questo lavoro. Ma soprattutto il messaggio ai cittadini è che non bisogna mai smettere di credere nello Stato. La fiducia dei cittadini è l’arma più forte nella lotta alla mafia. Essere liberi, non cedere, ribellarsi alla sopraffazione, non deve essere un atto di eroismo del cittadino, ma una scelta quotidiana salvaguardata e sostenuta delle istituzioni. Gli applausi dei cittadini palermitani ai carabinieri del Ros che portavano via in manette Messina Denaro sono un’immagine di una forza straordinaria: è una intera comunità che dice no alla mafia, insieme le forze dell’ordine e la gente comune. Spero sia il segno di una nuova era, una rottura rispetto a chi per trenta anni ha coperto e favorito la latitanza del più importante e pericoloso boss mafioso".

C'è qualcosa da modificare nelle leggi e come per rafforzare la lotta alla Mafia e alla criminalità organizzata?
"L’Italia ha l’impianto normativo più avanzato al mondo nella lotta alle mafie. Dobbiamo salvaguardarlo e rendere più efficace l’azione di contrasto mettendo nelle condizioni la magistratura e le forze dell’ordine di aumentare gli sforzi investigativi, dotandole del personale e dei mezzi necessari. E poi, come ha anticipato il presidente Giorgia Meloni, rafforzando quegli strumenti che consentono di colpire il cuore delle consorterie mafiose, ovvero i patrimoni accumulati con le attività criminali, e allo stesso tempo di affermare anche simbolicamente la presenza dello Stato nel territorio: ad esempio, per citare una materia su cui ho la delega, con il rafforzamento dell’Agenzia dei beni confiscati, per restituire ai cittadini ciò che la criminalità ha tolto loro, consentendo il riutilizzo per fini sociali e per creare nuovi presidi di legalità".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
messina denaro ferro interno





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.