A- A+
Politica
Pd, Cacciari: "Letta ha sbagliato due volte, va a casa dopo le elezioni"
Massimo Cacciari

Pd, chi dopo Letta? Cacciari: "Ci sarà qualche ribaltone e tireranno fuori qualche sotto-segretario come quelli del passato di cui nemmeno ricordiamo il nome"


"Enrico Letta è un segretario di partito a cui non ne è andata bene una. E' vero che gli altri del Pd sono assolutamente corresponsabili, ma Letta non ha fatto nulla per impedire il disastro e il segretario politico porta con sé la responsabilità di una linea naufragata due volte: la prima per il mancato accordo con il M5S e poi con Calenda". E' lapidario il commento di Massimo Cacciari, intervistato da Affaritaliani.it, sulle scelte e sulla strategia della leadership del Partito Democratico a meno di un mese dalle elezioni politiche. "Letta si è ridotto ad andare alle urne da solo con nessuna possibilità di vincere, a meno di improbabili colpi di scena. Dopo le elezioni, salvo miracoli, fanno fuori il segretario del Pd e Letta va a casa. Mi pare ovvio, si potrebbe salvare solo se la vittoria di Meloni fosse risicata con l'ipotesi di far saltare il banco. Il piano di Calenda e Renzi, insomma".

Dopo Letta, chi? Stefano Bonaccini per la cosiddetta area liberal e centrista o un esponente della sinistra di Andrea Orlando e Goffredo Bettini? "Razionalità vorrebbe che finalmente si indicesse un congresso autentico nel quale i sedicenti leader presentano idee e programmi per arrivare a un voto e al nuovo segretario. E' un discorso razionale fatto decine di volte in passato, ma anche stavolta non sarà così. Ci sarà qualche ribaltone e tireranno fuori qualche sotto-segretario come quelli del passato di cui nemmeno ricordiamo il nome. Perché dovrebbero mettersi a ragionare proprio ora? Dopo 10 anni di errori serve un atto di fede, ma non sarà così".

Ha ragione Michele Emiliano, il presidente della regione Puglia, che a La Piazza di Affaritaliani.it a Ceglie Messapica ha affermato che è stato un grave errore non andare avanti con l'alleanza elettorale con il M5S? "Certo, si doveva continuare a lavorare con i 5 Stelle. E' una leggenda che Conte abbia fatto cadere Draghi, l'ex premier è solo rimasto con il cerino in mano. Conte aveva gridato ai 4 venti che avrebbe votato quasi tutto, è Draghi che non voleva affrontare con l'armata brancaleone che aveva l'autunno con la recessione e l'allarme prezzi. E' ovvio e chiaro a tutti ormai".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    massimo cacciari pd letta elezioni





    in evidenza
    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    
    in vetrina
    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


    motori
    Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

    Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.