A- A+
Politica
Mattarella da Berlino sprona l'Europa: "Deve cambiare passo"
 

 "Le relazioni fra Italia e Germania sono speciali, il tasso di amicizia e condivisione e' altissimo e credo possa essere un elemento che aiuta a rafforzare la spinta verso la crescita dell'integrazione europea". Sergio Mattarella sceglie Berlino come prima tappa estera del suo settennato e punta sia sul rapporto "speciale" fra Italia e Germania che sulla necessita' di rafforzamento dell'integrazione europea.

Il Presidente della Repubblica, che domani incontrera' le istituzioni europee a Bruxelles, sottolinea che "la crisi ha creato difficolta' ma ha anche aiutato la crescita di strutture piu' solide nell'Unione. Occorre fare di piu' per avere un maggiore governo" comune delle istituzioni economiche e monetarie. "Le difficolta' in sede internazionale sono tante, ma l'amicizia tra Italia e Germania aiuta l'integrazione dell'Unione Europea".

"L'Europa deve cambiare passo. Deve risolvere le crisi che la scuotono all'interno e mostrarsi capace di affrontare, con coerenza e condivisione di intenti, quelle ai margini dei propri confini". Cosi' il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso del brindisi alla colazione offerta dal presidente della Repubblica federale di Germania, Joachim Gauck. "Le crisi interne - spiega Mattarella - hanno monopolizzato il dibattito europeo degli ultimi anni ma hanno anche contribuito, pur a costo di pesanti sacrifici, a far crescere la costruzione dell'edificio europeo. Esso oggi poggia su fondamenta piu' solide e ha acquisito una rinnovata capacita' di rispondere alle crisi". Per Mattarella ora "dobbiamo completare questo percorso, quanto piu' celermente possibile". Insomma "l'Europa deve riprendere a crescere e a sviluppare la propria integrazione".


Sergio Mattarella dedica un momento della sua visita a Berlino a raccogliersi davanti al Memoriale del Muro che ha diviso per anni la capitale tedesca e l'intera Europa. Una divisione "innaturale" della citta' per fuggire dalla quale sono cadute tante persone. Ma ora "bisogna pensare al futuro, non dimenticare questi orrori, dobbiamo pensare ai giovani che hanno bisogno di un'Europa sempre piu' unita per un avvenire adeguato". Il Capo dello Stato ha lasciato un breve messaggio nel Memoriale del Muro nel quale ha voluto "rendere omaggio a quanti in questa citta' lacerata per troppi anni dal Muro sono caduti per riconquistare la propria liberta'. Il ricordo dell'innaturale divisione di Berlino e dell'Europa deve costituire un forte richiamo alla necessita' di continuare a dare impulso all'integrazione europea". Di fronte al rischio che che si erigano novi muri, come hanno chiesto i giornalisti, Mattarella si e' augurato che "la lezione della storia sia cosi' forte da impedire orrori simili".

Tags:
mattarellaberlinoeuropa.merkelcrisiue
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.