A- A+
Politica
Né puttane né madonne. Un diritto anche per le donne in politica

La presidente della Camera Boldrini condanna come “sessista” una parodia della ministro Boschi. Ma le donne in politica sono come madonnine in una teca? E non sarà giunta l’ora di piantarla con il “politicamente corretto”, soprattutto quando invoca la censura?

Passato un 8 marzo segnato da tremendi fatti di cronaca, da celebrazioni ufficiali in cui da tempo è ricicciata l’esaltazione dei valori muliebri (pazienza, spirito di sacrificio…son tutte belle  le mamme del mondo); spenta la fontana rosso sangue del Quirinale -  un rimando, più che alla giornata internazionale della donna, a un 2 novembre di commemorazione delle sole defunte (“Alle donne vittime della violenza”, campeggiava sotto l’obelisco: un monumento al carnefice ignoto?), proviamo dunque a domandarci se la china funerea e bacchettona, che sta prendendo piede oggi in Italia, sia veramente utile ai dritti delle donne.

 “Ci sono tanti modi per fare satira, ma quando si cede al sessismo la satira diventa qualcosa di altro”, ha dichiarato Laura Boldrini  in merito all’imitazione  messa in scena su Rai Tre dall’attrice Virginia Raffaele. Intanto il deputato PD Michele Anzaldi ha inviato una lettera alla presidente della RAI Tarantola, per chiedere di "valutare se questo è servizio pubblico".

Copioni già recitati, soprattutto quando in ballo c’è la RAI. Ma in cosa la - assai blanda – satira in questione sarebbe “sessista”,  e dunque assimilabile ad un insulto? La lettura applicata a Maria Elena Boschi da Virginia Raffaele, ed il conseguente meccanismo comico,  è simile a quella riservata al premier Renzi da parte di Maurizio Crozza: entrambe mettono in luce l’uso della seduzione come arma per distogliere gli interlocutori dall’assenza di contenuti politici concreti. Allora, Renzi sì e Boschi no? Dal canto suo, l’attuale ministro per i Rapporti con il Parlamento, saggiamente, non se ne risente.

Se è vero che nel nostro Paese le donne in politica, nelle istituzioni, ai vertici delle aziende e degli apparati che contano sono ancora sparuta minoranza (ed evviva il trasversale sussulto pro-quote rosa delle deputate), questo non implica che le donne giunte in posizioni di potere non debbano essere soggette a critiche od agli sbeffeggiamenti della satira. Reclamo il diritto a parlare male dell’operato di figure come Angela Merkel o Margaret Thatcher, persino post mortem - ed anche della regina Vittoria, che nel suo impeto castigatorio fece coprir le gambe pure ai britannici tavolini.

Invece le gambe delle donne - insieme a tutto il corpo femminile, intero o fatto a pezzi -  non ci vengono certo lesinate in questa Italia, dove è in corso un conflitto,  “a bassa intensità” ma non meno cruento, contro il protagonismo reale delle donne. Tutto congiura per tenerle lontane dalla sfera pubblica: solo il 47,1% lavora fuori casa; artiste, intellettuali - ed anche attrici di satira e donne politiche  - faticano a prendersi spazio e parola se poco “decorative” o non allineate.

Però dalla censura – strumento per sua natura repressivo - nulla di buono è mai venuto in favore della liberazione di chiunque. “Né puttane, né madonne: solo donne”, recitava uno storico slogan del movimento femminista. Se non si vuole soltanto difendere uno status, quella rivendicazione dovrebbe essere valida anche per le donne presenti in politica e nelle istituzioni.

Personalmente, poi, ne ho fin su i capelli dell’uso delle tematiche di genere come pretestuosa mannaia, buona per tagliar via domande scomode, ghigliottinare opposizioni o invadere paesi stranieri. Provo ancora profondo disgusto per l’enfasi mediatica sulle donne afgane, scese festanti in strada senza il burqa, portato via dai “liberatori” americani. Gli stessi liberatori che negli anni successivi le hanno rese “effetti collaterali”, bombardando funerali e cortei nunziali, dove l’odioso burqa è andato a coprire cadaveri di donne.

Per fortuna, anche in questo ultimo 8 marzo, le donne sono tornate in piazza, a Roma come in altre città, con la parola d’ordine “#IO DECIDO”.

Rossella Lamina per Today.it

Tags:
politicadonne
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.