A- A+
Politica
Napolitano al Papa: lottare contro crimine, corruzione, schiavitù

"Sul piano politico, l'attenzione deve essere rivolta in primo luogo alle politiche del lavoro e all'istruzione, che costituiscono gli strumenti fondamentali per costruire una societa' piu' giusta e rispettosa dell'uomo. Altrettanto deciso deve essere lo sforzo nella lotta alla criminalita' nelle sue svariate forme, dallo sfruttamento della prostituzione alla pratica del lavoro nero, dalla corruzione al traffico di esseri umani". Lo scrive il Presidente della Repubblica Gioegio Napolitano in una lettera a Papa Francesco.


"Santita'", scrive Napolitano al Pontefice, "il suo messaggio in occasione della celebrazione della 48^ Giornata Mondiale della Pace e' stato per me, come ogni anno, occasione di attenta e partecipe riflessione.
   Il fenomeno drammatico della schiavitu', come puntualmente richiamato da Vostra Santita', e' solo apparentemente lontano da noi, nel tempo e nello spazio. Al contrario, e malgrado la quotidiana condanna sul piano del diritto e le reiterate dichiarazioni di principio, sono ancora oggi troppo frequenti e diffuse molteplici forme di privazione della liberta' e dignita' degli esseri umani".


   "Non e' un caso, d'altra parte, che alcune delle riflessioni contenute nel messaggio di Vostra Santita' siano al centro dell'agenda politica nazionale ed europea, a partire dal tema dell'accoglienza per i migranti ed i richiedenti asilo, sul quale Vostra Sanita' ha voluto, sin dal principio del Suo Pontificato, attirare l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale", aggiunge, "Se, infatti, alla base del fenomeno della riduzione in schiavitu' vi e' indubbiamente una concezione antropologica distorta e distorsiva, spetta alle Istituzioni e ai Governi agire sulle cause sociali ed economiche che portano alcuni esseri umani ad abusare di altri, attraverso forme di costrizione fisica e psicologica mentre, sul piano politico, l'attenzione deve essere rivolta in primo luogo alle politiche del lavoro e all'istruzione, che costituiscono gli strumenti fondamentali per costruire una societa' piu' giusta e rispettosa dell'uomo. Altrettanto deciso deve essere lo sforzo nella lotta alla criminalita' nelle sue svariate forme, dallo sfruttamento della prostituzione alla pratica del lavoro nero, dalla corruzione al traffico di esseri umani".

 "Condivido l'ammirazione e la gratitudine espresse da Vostra Santita' per 'l'enorme lavoro silenzioso' delle tante associazioni di volontariato, sia religiose che laiche, attive in questi campi, spesso a costo di grandi sacrifici personali da parte dei loro membri. La loro quotidiana fatica deve costituire uno sprone per i responsabili della vita politica, affinche' si impegnino al loro fianco per garantire a tutti condizioni di vita migliori". Prosegue la missiva, "A conclusione di questa rapida riflessione mi permetta, Santita', di condividere il Suo invito a trasformare il fenomeno, per molti aspetti controverso, della globalizzazione in una forza positiva e coinvolgente 'di solidarieta' e di fratellanza', che possa avvicinare soggetti diversi e non contribuire invece a rendere ancor piu' difficili da colmare le disparita' economiche e le divaricazioni sociali oggi esistenti".
   "Con questa speranza e nella certezza di farmi interprete dei sentimenti del popolo italiano le rivolgo, Santita', un fervido e sincero augurio per il nuovo anno e per la prosecuzione della Sua missione apostolica"", conclude Napolitano.

Tags:
napolitanopapalettera

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.