A- A+
Politica

Orban incontra Zelensky a Kiev, prima visita in Ucraina dall'inizio della guerra

L'incontro tra il premier ungherese Orban e Zelensky La presidenza ungherese dell'Unione europea e' cominciata con una mossa inaspettata: la prima visita a Kiev del premier Viktor Orban, noto per le sue posizioni pro-russe e per essersi sempre opposto ai partner europei sugli aiuti all'Ucraina. "L'obiettivo della presidenza ungherese e' contribuire a risolvere le sfide che attendono l'Unione europea. Ecco perche' il mio primo viaggio e' stato a Kiev", ha scritto Orba'n su Facebook sotto una foto in cui stringe la mano al presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Ho chiesto al presidente di considerare rapidamente la possibilita' di un cessate il fuoco", che sarebbe "limitato nel tempo e consentirebbe di accelerare i negoziati di pace", ha dichiarato Orban, unico fra i leader dell'Unione europea a essere rimasto vicino al Cremlino anche dopo l'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina nel febbraio 2022.

Quanto alle proposte di Kiev, "richiedono molto tempo: sono lente e complicate a causa delle regole della diplomazia internazionale", ha affermato. Zelensky ha "invitato l'Ungheria e il primo ministro Orban ad unirsi" agli sforzi compiuti "in vista dell'organizzazione di un nuovo vertice per la pace" da parte dell'Ucraina, dopo quello di giugno in Svizzera dove Kiev ha cercato di mobilitare quanti piu' Paesi possibile attorno alle sue proposte. Il leader ucraino aveva gia' rifiutato in passato l'idea di una tregua, ritenendo che Mosca ne avrebbe approfittato per rafforzarsi; il suo progetto prevede il ritiro totale delle truppe russe dal paese, inclusa la penisola di Crimea, annessa da Mosca nel 2014, e il pagamento dei danni causati dall'invasione nel febbraio 2022 Il mese scorso, il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto che le truppe ucraine abbandonassero il territorio nel sud e nell'est del paese se volevano un cessate il fuoco, richieste immediatamente respinte da Zelensky e descritte come un ultimatum "in stile hitleriano".

Orban, che si e' presentato a Kiev con l'auspicio di "lasciarci alle spalle le discussioni passate", ha rassicurato Zelensky che fara' "il possibile per aiutare l'Ucraina". Lo ha anche ringraziato per l'onesta' della conversazione e ha promesso di riferirne il contenuto al Consiglio dell'Unione europea "in modo che possano essere prese le necessarie decisioni europee".

Descrivendo la visita di Orban, Zelensky ha detto che sul tavolo c'erano "le priorita' comuni europee e quanto sia importante portare una pace giusta in Ucraina e in tutto il Paese", e di aver chiesto di mantenere "a un livello sufficiente" gli aiuti militari versati dall'Europa a Kiev. Il premier si e' sempre opposto a tali sostegni: nei mesi scorsi ha tolto all'ultimo momento un veto che bloccava un pacchetto da 50 miliardi. Grazie alla visita di Orban, ha detto Zelensky, "il rapporto tra Ucraina e Ungheria sara' completamente diverso"; anche il leader di Budapest aveva espresso in precedenza il desiderio di "migliorare" le relazioni bilaterali, rese complicate dalla presenza in Ucraina di un'importante minoranza ungherese. Proprio oggi il ministro degli Esteri ungherese Peter Szjjarto ha parlato al telefono con il suo omologo russo Serghei Lavrov per concordare sulla "necessita' che Kiev garantisca incondizionatamente i diritti di tutte le minoranze nazionali che vivono nel Paese", ha scritto il ministero degli Esteri di Mosca.

 

Guarda il video






in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.