A- A+
Palazzi & potere
Economia e Finanza: "Faro" acceso sulla crescente presenza francese in Italia
La Borsa di Milano

Per il Capo dello Stato, rivela Italia Oggi in un informatissimo retroscena, non sono giornate facili: ce la sta mettendo tutta per ricondurre il paese ad un dialogo istituzionale più costruttivo ma le forze politiche sembrano non volerlo ascoltare. Sono due le direttrici sulle quali si sta muovendo il Quirinale: il dialogo tra maggioranza e opposizione con l'invito a mettersi alle spalle “partigianerie, protagonismi, egoismi, per unire gli sforzi, di tutti e di ciascuno, quale che sia il suo ruolo e quali siano le sue convinzioni” e i rapporti tra governo e regioni, anche questi minati da troppe asperità politiche. Insomma, il paese non è ancora in sicurezza e l'emergenza Covid continua a preoccupare il Colle. Altra fonte di preoccupazione per il paese, continua Italia Oggi, è rappresentata dall'ultima relazione del Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. Sono molte le domande che si pone la politica: come mai per la vendita di Borsa Spa si è preferito trattare in via esclusiva con i francesi quando altri offrivano soluzioni più vantaggiose? E perchè questa crescente presenza di operatori economici e finanziari di origine francese nel nostro tessuto economico, bancario, assicurativo e finanziario con il rischio che tutto ciò possa determinare strategie, azioni e atteggiamenti non in linea con le esigenze economiche nazionali? Insomma, il rischio è che l'Italia finisca col cedere parte della sua sovranità economica (e quindi politica) in mani straniere. Il Copasir ha spiegato che "in questo quadro desta preoccupazione la strategia di UniCredit, che, mediante possibili operazioni di fusione con soggetti esteri (tra i quali Commerzbank, ovvero le francesi Cre'dit Agricole e Socie'te' Ge'ne'rale), sembrerebbe voler costituire una sub-holding, in cui confluirebbero anche le risorse acquisite tramite la raccolta di risparmio in Italia". E invita a non sottovalutare l'operazione che riguarda Mps: "Tra i possibili acquirenti, figura proprio UniCredit, la cui policy, come si e' detto, desta perplessita' sotto il profilo del perseguimento degli interessi nazionali. Anche altre operazioni, sempre connesse all'attivismo del partner francese, a parere del Comitato, devono essere monitorate con attenzione. In particolare - si scrive ancora nella relazione - l'aumento di capitale di Delfin in Mediobanca potrebbe modificarne l'assetto societario, con conseguenze per il nostro principale istituto di assicurazioni, Generali, che, come e' noto, detiene un considerevole pacchetto di titoli di Stato". Insomma, c'è qualcuno che vuol favorire interessi francesi in Italia? La domanda non appare affatto oziosa visto che investe direttamente il tema della sovranità del paese. Per molti, infatti, questa discesa dei francesi in Italia non sarebbe affatto casuale ma il risultato delle trattative politiche dei mesi scorsi in seno all'Europa: l'Italia, per ottenere l'appoggio dell'Eliseo sul Recovery fund e sulle altre questioni europee potrebbe essersi impegnata a cedere asset strategici all'economia transalpina. Insomma, l'appoggio francese non sarebbe stato gratuito ma condizionato alla possibilità di poter mettere le mani sui "gioielli di famiglia" italiani. D'altra parte, storicamente la mancanza di trasparenza in Europa la fa da padrone e spesso, al di là di ciò che appare nelle trattative ufficiali, tutto si riduce al classico "do ut des".

Commenti
    Tags:
    borsaborsa italianacopasirfranciagovernopoliticaborsa sparecovery funditaliaeuropampsunicreditfinanzaeconomia
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

    Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.