A- A+
Palazzi & potere
Governo, Transizione 4.0: tutte le novità

Negli ultimi anni, a partire dal 2016, i Governi italiani hanno cercato di sostenere gli investimenti in tecnologie di industria 4.0, fornendo una spinta ulteriore al miglioramento della competitività delle imprese italiane. Questo sostegno si è concretizzato in tre piani nazionali comprendenti incentivi e agevolazioni dedicati; il primo step è stato il piano "Industria 4.0", fortemente voluto dall'allora Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, seguito poi da "Impresa 4.0" e, successivamente, da "Transizione 4.0", il piano attualmente in vigore e in "revisione" tramite la Legge di Bilancio 2021.La scelta semantica non è casuale ma indice della precisa volontà di tracciare un percorso che, partendo d all'ambito produzione, porti ad una digitalizzazione di, potenzialmente, qualsiasi area aziendale, unita alla scelta di ampliare la platea di imprese interessate e di "investimenti ammissibili", spaziando da beni materiali (quindi macchinari) ai beni immateriali (software, ma non solo) passando anche per la formazione del personale e il sostengo a ricerca e sviluppo. I risultati, in questo caso, non si sono fatti attendere e gli investimenti delle imprese italiane in ambito 4.0 hanno quindi conosciuto una crescita importante, anche se poi rallentata nel 2019, anno che comunque ha visto un +20% circa rispetto all'anno precedente. (dati dell'Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano). L'ultimo tassello delle politiche messe in campo è quindi il già citato piano "Transizione 4.0", piano pluriennale valido nel triennio 2020-2022, che dovrebbe contare su fondi pari a 25mld di euro, agganciati, almeno in parte, alle risorse erogate dall'UE relativamente al Recovery Found.Il grande cambiamento implementato, oltre alla semplificazione normativa dell'iter di accesso e alla possibilità di beneficiare di incentivi per l'acquisto di beni immateriali senza il vincolo dell'acquisto di beni materiali, è la sostituzione di iper e super ammortamento con agevolazioni sotto forma di credito d'imposta ad intensità crescente per investimenti in beni materiali (macchinari) e immateriali (ad esempio software MES), nonché per gli investimenti in ricerca&sviluppo e formazione del personale legata alle tecnologie 4.0. Rispetto a quanto previsto inizialmente il Piano potrebbe subire alcune modifiche, che non ne varierebbero la struttura generale, tramite l'approvazione della Legge di Bilancio, in votazione in questi giorni, ma che andrebbero a potenziare le misure già previste e ad introdurre alcuni obblighi normativi.Ad esempio, fra gli altri, il credito d'imposta relativo agli investimenti in beni strumentali passerebbe dal 40% al 50% per gli investimenti sino a 2,5 mln di euro mentre quello relativo ai beni immateriali dovrebbe aumentare sino al 20%, altre modifica sarebbe, oltre al dove indicare in fattura l'intenzione di accedere alle misure del Piano, l'obbligo di effettuare comunicazione dedicata al Ministero dello Sviluppo, con tempi e modi però ancora da definire.

Loading...
Commenti
    Tags:
    transizione 4.0governo
    Loading...
    in evidenza
    Alla Cultura l'esperta di burlesque Roma, ironia web su nuova giunta

    "Siffredi ministro quando?"

    Alla Cultura l'esperta di burlesque
    Roma, ironia web su nuova giunta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...

    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Porsche presenta la Taycan 100% elettrica con trazione posteriore

    Porsche presenta la Taycan 100% elettrica con trazione posteriore


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.