A- A+
Palazzi & potere
Ndrangheta, il figlio del boss fonda gruppo Fb contro le divise

In Italia capita anche questo. E non è il primo episodio. Ovvero che il pupillo di una delle più potenti famiglie della ‘Ndrangheta calabrese, già noto alla forze dell’ordine per precedenti legati a estorsione e già sorvegliato, dia vita a un gruppo su FB, che prende di mira le divise. Emanuele Mancuso, 28 anni - figlio del boss Pantaleone, alias L'Ingegnere, attualmente irreperibile, membro apicale dell’omonimo clan di Limbadi (VV), ha dato vita a un controverso gruppo FB dal titolo 'Al di sopra della Legge - Intoccabili autorizzati a delinquere"

https://www.facebook.com/groups/172837386515954/?fref=ts.

Un gruppo aperto e quindi pubblico, visibile a tutti, che ha come scopo: enfatizzare casi di cronaca nera che vedono come presunti responsabili membri delle forze dell'ordine e deridere lo Stato, la Chiesa Cattolica e associazioni antimafia. I post sono di diversa natura. Si va dal mero insulto: 'Carabinieri siete peggio dei cani’, alle locandine provocatorie con frasi accompagnate da immagini della fiction Il Capo dei Capi: ‘Bisogna essere all'altezza delle parole che si pronunciano altrimenti è meglio non fiatare. Firmato Cosa Nostra’, o ancora: ‘Non è vero che sono del tutto inutile. Posso essere usato come cattivo esempio". E ancora, in un post un membro saluta con: “Buongiorno mafiosi” e un altro gli risponde riferendosi allo scrivente e chiamandolo "Capo Clan". E anche: "Magistrati e giornalisti siete voi i terroristi”.

Non mancano le frasi in dialetto calabrese: “Siti unu chiu' n'famuni i nauttru (siete uno più infame dell'altro)". Oppure si clonano manifesti affissi dalla camorra in alcuni quartieri di Napoli, “Carabinieri infami assassini”, in occasione della morte di un ragazzo pregiudicato. Inevitabili le perle di saggezza mafiosa: “Da piccoli ci hanno insegnato che infamare è un grave reato” e ancora: “Non criticare chi sta in carcere le cose brutte possono capitare anche a te”. Si sprecano gli attacchi ‘ironici’: spicca una foto di due carabinieri romani a bordo di una cart elettrica dal titolo ‘I Flinstones’, oppure di due poliziotti sull'autostrada, muniti di autovelox, con un claim che recita: “disponibili anche per filmini matrimoni, battesimi, cresime e comunioni".

Sono stato aggiunto dagli stessi amministratori del gruppo” – dichiara Klaus Davi – “e ho scritto loro diversi post per cercare di dissuaderli dall’attaccare le forze dell’ordine. Interventi che hanno sempre pubblicato”. In una delle note di Davi si legge: “State sbagliando, bisogna portare rispetto alle forze dell’ordine, Se con questo gruppo intendente alimentare la diceria che sono corrotte sbagliate. Leggete Pier Paolo Pasolini e cosa scriveva sui ragazzi che servivano e si sacrificano per  lo Stato. Portate rispetto.” “Non è il primo episodio” – racconta Klaus Davi  - “Questa estate Giovanni Tegano, incensurato nipote dell’omonimo sanguinario boss condannato all’ergastolo, aveva postato sul suo profilo attacchi contro polizia e collaboratori di giustizia https://www.youtube.com/watch?v=wNb6z1dHd44. Ma il Tegano si rifiutò di incontrarmi anche se poi cancellò i post
 

Tags:
ndrangheta carabinieri emanuele mancuso





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.