A- A+
Palazzi & potere

A oltre 5 anni dall’approvazione della legge Madia, la riforma delle Camere di commercio italiane sembra finalmente giunta in dirittura d’arrivo. Da 105 che erano, scrive Formiche.net, le Camere sono scese a 82 e sono in programma nei prossimi giorni ulteriori accorpamenti che le avvicineranno ancora al numero di 60, obiettivo previsto dalla legge. Nonostante la riforma abbia avuto di recente anche il via libera della Corte Costituzionale, ci sono ancora alcune resistenze. Il “Decreto-legge Agosto”, che fissa il termine del 14 ottobre per la conclusione della riforma, ha visto la presentazione di alcuni emendamenti che puntano ad allungare i tempi, lasciando tutto come prima, nonostante il taglio delle poltrone sia stato un obiettivo dichiarato, e votato, da tutte le parti politiche a livello centrale.

Per capire meglio cosa pensassero di questa riforma le imprese delle province in cui le Camere di commercio si sono già accorpate e come stessero vivendo le trasformazioni legate alle fusioni tra Camere, Unioncamere ha chiesto alla Ipsos di Nando Pagnoncelli di effettuare un sondaggio. I risultati, frutto di oltre 400 interviste ad altrettante imprese, sono stati univoci. Tre imprese su quattro promuovono la riforma delle Camere di commercio, ritenendo che la nascita di strutture più grandi, attraverso l’accorpamento di due o più Camere di piccola dimensione, sia un fatto positivo.

Promuovendo i servizi camerali con un buon 8 come voto medio (con punte del 9-10 per il 29% degli imprenditori), addirittura il 92% degli imprenditori a conoscenza dell’accorpamento della propria Camera ritiene che la qualità dei servizi resi sia migliorata o sia rimasta invariata dopo l’accorpamento ed il 28% che la gamma dei servizi sia stata ampliata.

Gli imprenditori colgono anche un vantaggio in termini economici derivante dalle unioni tra Camere piccole: il 36% ha rilevato un aumento dei contributi erogati ed il 31% una crescita dei bandi ai quali le imprese possono partecipare.

Le fusioni tra Camere, che per 9 imprenditori su 10 non hanno comportato alcuna complicazione operativa che possa aver avuto effetti sulla vita quotidiana dell’impresa, non allontana le Camere dai territori e dai diversi sistemi produttivi locali. Mantenendo saldi la propria presenza e il presidio territoriale, la nuova Camera ha invece una maggiore capacità di interpretare e soddisfare le necessità delle imprese (è quanto ritiene il 35% delle imprese).

E allora, si chiede Formiche.net, perché gli emendamenti presentati anche da parte di chi ha sostenuto negli anni la riforma Renzi/Madia? Timore di ridurre i posti negli organi delle Camere di commercio? Difesa di interessi ed esigenze locali? I mille campanilismi dell’Italia? Oltretutto senza accorpamenti alcune Camere commercio non chiuderanno i bilanci e dovranno ricorrere a risorse pubbliche o alla solidarietà delle altre Camere.

In conclusione, a distanza di 5 anni, affinché il sistema camerale possa costituire un esempio virtuoso di modernizzazione della Pa ed avere un assetto definitivo servirebbe davvero chiudere la riforma nel più breve tempo possibile.

Commenti
    Tags:
    riformacamere di commercio
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.