A- A+
Palazzi & potere
Usa, le prime elezioni Snapchat

Latella: così si erode la barriera tra vita privata e pubblica

 

 

 

 

 

 

L' ultimo messaggio di Bernie Sanders su Snapchat mostra la foto del candidato alle presidenziali Usa mentre si fa intervistare dal New York Times: la giornalista con taccuino e registratore in mano, lui stravaccato su una panca con un piede a due centimetri dal sedere di lei. Poi c' è l' immagine dell' incontro col gruppo di volontari per la campagna, infine in breve video all' inizio del discorso all' Indiana University.

Degli altri candidati ieri niente traccia sul servizio di messaggistica istantanea dove ciò che viene postato resta al massimo per 24 ore.

Sanders è decisamente il vincitore delle elezioni su Snapchat per numero di follower (il social non rende pubblici i dati, ma non ha mai contestato questa posizione reclamata dal candidato). Dopo di lui viene Hillary Clinton, mentre i candidati repubblicani, Ted Cruz e Donald Trump, sono sì presenti sul social amato dai giovanissimi, ma poco attivi.

Dall' inizio di questa campagna, scrive italia oggi, si è detto spesso che sarebbero state le elezioni di Snapchat: l' applicazione, secondo Nielsen, raggiunge il 41% dei 18/34enni americani, oltre un terzo dei millennials che votano. Impossibile dire se servirà a portare elettori, di sicuro valeva la pena di esserci per tentare di raggiungere i millennials che sfuggono ai mezzi di comunicazione tradizionali. «Snapchat sta diventando un metodo unico per raggiungere gli elettori più giovani», dice Maria Latella, all' Università di Chicago come fellow visitor per una serie di seminari dell' Institute of politcs, fondato dall' ex consigliere di Obama, David Axelrod.

«Tanto è vero che Sanders, che ha 74 anni, ha il più largo seguito tra gli elettori giovani e appunto usa Snapchat».

La giornalista ha affrontato il tema proprio in un seminario sul rapporto fra politica e social network, sul modo di raggiungere gli elettori oggi. E già i suoi studenti sono stati un banco di prova su quali siano i social di tendenza in questo momento. Perché non si tratta soltanto di valutare il numeri di utenti, ma anche il target più attivo e il grado di interazione. «Ieri una di loro è venuta e mi ha detto: "Vorremmo promuovere su Snapchat il tuo prossimo seminario"», racconta Latella. «Io le ho spiegato che non ce l' avevo perché sono presente su Facebook e Twitter, ma non volevo impegnarmi su altro per non diventare matta. Lei ha insistito perché su Snapchat "bisogna esserci".

Tags:
snapchat
Loading...
in vetrina
Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

i più visti
in evidenza
Canalis, la lingerie è da infarto Eli sensualissima sul letto. Le foto

Diletta, Belen e... Le foto delle vip

Canalis, la lingerie è da infarto
Eli sensualissima sul letto. Le foto


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
BMW Group: verso un futuro elettrificato

BMW Group: verso un futuro elettrificato


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.