A- A+
Politica
Il Vangelo del Papa in chiave marxista

“In questi due mesi, mi sono preparato per questa visita, leggendo la storia della persecuzione in Albania. E per me è stata una sorpresa: io non sapevo che il vostro popolo avesse sofferto tanto!”. Lo ha detto Papa Francesco, nella celebrazione dei Vespri nella cattedrale di Tirana, parlando a braccio dopo le toccanti testimonianze di un sacerdote e di una religiosa che hanno vissuto la persecuzione comunista. Chiudendo un occhio sul “refrain” (io non sapevo) più gettonato dai leaders del pianeta terra, appare stupefacente che un papa, quindi un uomo di cultura, non sapesse che l’odio del comunismo ha provocato 100 milioni di vittime. Ingenuità a cui solo gonzi e cortigiani possono credere. A fine giugno 2014 Bergoglio disse “«Io dico solo che i comunisti ci hanno derubato la bandiera. La bandiera dei poveri è cristiana” e “nella mia vita ho conosciuto tanti marxisti buoni come persone". “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca” diceva Andreotti. Orbene, è bestemmia o irriverenza congetturare che il non sapevo del papa venuto dalla fine del mondo non sia imputabile all'ignoranza, bensì a quella sorta di “ amore simpatia invidia” non ufficialmente palesata per l’ideologia più nefasta del novecento? La teologia della liberazione recentemente riabilitata da papa Francesco, che altro non è se non la lettura del Vangelo in chiave marxista? Dopo il teatrino della politica, la sorpresa del teatrino della religione.

Gianni Toffali

Tags:
papa
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.