A- A+
Politica
Pd, Letta prigionero delle correnti che voleva abolire. Chi sta con chi. Nomi
Enrico Letta
Lapresse

Quando si è insediato alla guida del Partito Democratico, tornando da Parigi come il salvatore della patria ormai alla deriva, Enrico Letta aveva promesso di abolire e superare la logica delle correnti, storico male della sinistra italiana. Oggi 'Enrico stai sereno' è proprio prigioniero delle correnti del suo Pd, ormai fermo nei sondaggi, se non in costante discesa, superato anche ampiamente da Fratelli d'Italia. Da un lato la sinistra dei Democratici, guidata da Goffredo Bettini (braccio destro dell'ex segretario Nicola Zingaretti), dal ministro Andrea Orlando e dal vicesegretario Giuseppe Provenzano. Il loro obiettivo è quello di ricostruire la vecchia Unione di Romano Prodi, da Sinistra Italiana di Nicola Fratoianni a Italia Viva di Matteo Renzi, siglando da subito una stretta alleanza con il nuovo (e misterioso) Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte. Insomma, una riproposizione dell'ex maggioranza giallo-rossa.

Sul fronte opposto ci sono i soliti ex renziani di Base Riformista, che hanno appena stilato un Manifesto autonomo e hanno dato vita a Palazzo Madama a una vera e propria fronda contro Letta. Tra loro gli esponenti di spicco sono sicuramente il ministro della Difesa Lorenzo Guerini e l'ex capogruppo Andrea Marcucci. Per gli ex renziani l'alleanza elettorale con i 5 Stelle sarà, forse, lo sbocco inevitabile alle prossime elezioni del 2023, ma non certo per convinzione quanto per mera somma algebrica. Nell'ultima Direzione del Pd sono stati numerosi gli esponenti di Base Riformista che hanno consigliato al segretario di capire bene quali siano i progetti di Conte prima di siglare un'alleanza strutturata e stabile. "Saranno davvero un partito liberaldemocratico o rilanceranno le vecchie battaglie grillini come reddito di cittadinanza, no Tav e no Tap?", sottolinea una fonte parlamentare ex renziana. In attesa di avere queste risposte - che non arriveranno a breve conoscendo i tempi dei 5 Stelle - gli esponenti della cosiddetta destra Dem suggeriscono a Letta di attendere prima di stringere patti con il M5S e di non escludere di rilanciare l'antica idea veltroniana della vocazione maggioritaria.

In mezzo, tra le due correnti, c'è poi Area Dem del ministro delle Culture Dario Franceschini, assolutamente silente (parla solo di musei e arte), dicono, perché non vuole rischiare di bruciarsi come possibile candidato per la presidenza della Repubblica. Stando a fonti del Pd, Franceschini, pragmatico e concreto, attende di capire come si evolvono i fatti prima di scegliere da che parte stare. E i fatti sono le elezioni comunali di ottobre e la partita del Quirinale dell'inizio 2022. In questo contesto Letta si barcamena e cerca, a fatica, di accontentare tutti. Prima rilancia lo Ius Soli, spinge per il ddl Zan e propone di tassare i ricchi per tenere buona la sinistra del partito, poi sigla una finta tregua con Salvini in nome della responsabilità per ascoltare gli ex renziani. La verità è che così facendo i Dem restano fermi nei sondaggi. Anzi, camminano all'indietro come i gamberi.

Commenti
    Tags:
    pd lettacorrenti pd enrico letta
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

    Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


    casa, immobiliare
    motori
    Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

    Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.