A- A+
Politica
Preferenze, Fitto doppia Toti. E lancia l’opa su Forza Italia

Di Tommaso Cinquemani
europa@affaritaliani.it

Silvio Berlusconi sa che poteva andare peggio. Le elezioni europee gli hanno riservato un'amara sconfitta, relegando FI a terza forza del Paese, con il 16%, ben al di sotto del 40% preso dal Pd di Matteo Renzi. Ma l'ex Cavaliere sente che il partito ha tenuto, non c'è stata la débâcle tanto temuta. Certo, ora è venuto il momento di ristrutturare dalle fondamenta il partito, operazione che non era riuscita con la nascita dei Club Forza Silvio. E proprio da lì l'ex premier ha intenzione di cominciare. A farne le spese sarà Marcello Fiori, il responsabile dei club. "Ci vogliono forza nuove", avrebbe confidato Berlusconi ai suoi in una riunione post spoglio.

Le energie giovani ci sarebbero e vengono dal sud. Raffaele Fitto è pronto a mettersi alla guida del partito, forte del successo ottenuto in questa tornata elettorale. L'ex ministro ha raccolto 284mila preferenze e anche se non ha raggiunto l'obiettivo di essere il più votato d'Italia, ha di sicuro doppiato il delfino del Cavaliere. Giovanni Toti ha infatti totalizzato 149mila schede, un bel bottino per un outsider, ma nulla di eccezionale se si pensa alla spinta data dall'alto. Ecco allora che Fitto (che ha rilasciato interviste a profusione chiedendo un cambio di rotta del partito) vuole imporsi come la vera novità, legittimata dal basso e pronta a prendere le redini di FI per riportarlo ai fasti di un tempo.

Toti, è il ragionamento di Fitto, non ha né l'esperienza politica, né l'appoggio del partito che lo percepisce come un corpo estraneo. In corsa per la leadership però non c'è solo l'enfant prodige azzurro, ma anche Marina Berlusconi. Il Cavaliere infatti non ha mai fatto mistero di voler lasciare in eredità alla figlia la guida di FI. Ma dopo il risultato di queste ultime elezioni si è dovuto ricredere: come posso lasciare a mia figlia un partito allo sbando, avrebbe confidato ai suoi. E intanto, mentre in FI si cerca di capire come uscire dall'angolo, il Ncd festeggia il primo test elettorale. E Maurizio Lupi guarda alla poltrona di sindaco di Milano, dove si voterà l'anno prossimo. Un successo di tale portata (possibile solo con l'appoggio azzurro) gli darebbe la forza per scalare il futuro Centrodestra riunificato, mettendo da parte Alfano.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
totifitto
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.