A- A+
Politica
Qatar-gate, non ci sono solo mazzette. Nel patto anche pacchetti di voti
Antonio Panzeri

Qatar-gate, la resa dei conti tra i Socialisti: cacciato un alto funzionario

Il Qatar-gate sembra una vicenda solo all'inizio, ne sono convinti gli inquirenti che ogni giorno scoprono cose nuove sul cosiddetto "sistema Panzeri". Lo scandalo che ha travolto il parlamento europeo si arricchisce di un nuovo inquietante capitolo, non ci sarebbero solo le mazzette ma anche pacchetti di voti nell'accordo con Qatar e Marocco. Non c’erano in ballo solo tangenti. La squadra - si legge sul Fatto Quotidiano - accusata di aver messo in piedi il sistema di corruzione nel cuore di Bruxelles lavorava anche per garantire voti. Lo sostengono gli analisti del Vsse, i Servizi segreti belgi che hanno fatto partire l’inchiesta sulle mazzette pagate dal Qatar e dal Marocco per influenzare le decisioni dell’Eurooparlamento. "Il gruppo lavora in cambio di sostegno elettorale orchestrato dalle autorità marocchine e di somme considerevoli di denaro (in totale diversi milioni di euro) pagate clandestinamente, in cash, dal Marocco e dal Qatar”, si legge nell’informativa degli 007.

I pm - prosegue il Fatto - dubitano anche sulle dichiarazioni fatte da Visentini. È stato così convincente da essere scarcerato. Ma l’interrogatorio non era iniziato nel migliore dei modi. "Lei di soldi ne ha presi molti di più", esordiscono gli investigatori belgi quando il 9 dicembre, nella stazione di polizia, interrogano Luca Visentini, segretario generale della Ituc, la più grande confederazione sindacale del mondo. È questo, quindi, il sospetto degli investigatori, che hanno tra le mani l’intercettazione in cui Visentini riceve dall’ex europarlamentare, Pier Antonio Panzeri, circa 50 mila euro in contanti, in tre tranche , infilati in buste da lettera per auguri, con Babbo Natale stampato sopra. Intanto all'interno dei Socialisti europei è cominciata la resa dei conti: il gruppo, infatti, ha sospeso un suo alto funzionario per “colpa grave” segnalandolo agli inquirenti. Da quello che trapela si tratta di Eldar Mamedov, il lettone considerato “vicino all'Iran".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
panzeriqatar-gate





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.