A- A+
Politica
La Merkel promuove Renzi: "Il suo è un cambiamento strutturale"

"Sono rimasta molto colpita dal cambiamento strutturale in Italia, è davvero impressionante". Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel nel corso della conferenza stampa tenuta a conclusione del faccia a faccia a Berlino con il presidente del Consiglio Matteo Renzi.  "Anche per me è chiaro - ha aggiunto Merkel - che l'Italia tiene conto della stabilità ma anche delle due componenti crescita e occupazione. So bene che l'Italia per quel che riguarda il patto di stabilità e di crescita lo rispetterà".

Quanto a Renzi, il presidente del Consiglio ha spiegato che il bilaterale berlinese "è stata un'occasione per illustrare un processo di riforme molto ambizioso e coraggioso". "L'Italia - ribadisce - deve fare le riforme perché lo chiedono i nostri figli e non i partner europei. Tutti abbiamo da guadagnare, ma l'Italia deve smettere di pensare che si fanno le riforme perché ce lo chiede Bruxelles, Berlino, noi facciamo le riforme per noi. Il governo ha come orizzonte il 2018 ma per noi le riforme devono esere fatte subito".

Si tratta, ripete Renzi, "non di misure una tantum, ma di misure irreversibili di cambiamento". "Il debito è cresciuto, nonostante l'Italia abbia avuto un avanzo primario con interventi per ridurre la spesa noi abbiamo smesso di crescere. Occorre mantenere i vincoli, fare misure strutturali, ma dentro il pacchetto occorre aiutare a recuperare la domanda interna", osserva ancora il presidente del Consiglio.

Tornando sul tema delle coperture alle misure economiche, Renzi precisa che "non c'è bisogno che le conosca Angela Merkel. Angela Merkel ha scherzato dicendo che qui non ci sono slides... Noi rispettiamo tutti i limiti che ci siamo dati, a partire dal trattato di Maastricht. L'Italia non chiede di sforare le regole, dando il messaggio che le regole sono cattive". "Le regole ce le siamo date insieme - ricorda - e sono importanti ma occorre avere la forza di investire sul grande problema dell'Italia: con le misure di questi anni il rapporto debito/pil è cresciuto al 132% perchè, nonostante l'avanzo primario, il nostro problema è la mancata crescita".

Nell'ambito della visita del governo italiano in Germania si è svolta anche una riunione plenaria tra la delegazione ministeriale italiana (composta dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, quello dello Sviluppo economico Federica Guidi, il titolare delle Infrastrutture Maurizio Lupi, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, quello della Difesa Roberta Pinotti e la titolare della Farnesina) e quella tedesca.

In attesa della conferenza stampa congiunta, il ministro delle Finanze tedesco Wolfang Schaeuble, dopo il bilaterale con Padoan, ha diffuso un comunicato nel quale promuove l'obiettivo del nuovo governo italiano di accelerare il tempo delle riforme per aumentare produttività e crescita in Italia, ma mette in guardia da rinvii sul consolidamento delle finanze statali.

Tags:
renziberlinomerkel
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà

Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.