A- A+
Politica
Incontro tra Renzi e Berlusconi. L'obiettivo è "salvare" le riforme

Il premier punta a serrare le intese sulle riforme. Dall'Italicum al Senato. Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si sono incontrati a Palazzo Chigi, nell'appartamento personale del presidente del Consiglio, alle 21 esatte di lunedì per riprendere il filo dell'accordo di tre mesi fa. Un vertice fissato, non a caso, subito dopo la chiusura della partita sulle nomine dei manager pubblici, su cui Renzi ha lavorato alacremente.

L'incontro, che giunge a ridosso della decisione del tribunale di Milano che potrebbe decretare l'inizio dell'esecuzione della pena per la condanna definitiva di Berlusconi per evasione fiscale, è stato richiesto con insistenza da Berlusconi, tornato appositamente a Roma per la prima volta dopo il ricovero all'inizio della settimana scorsa al San Raffaele per un problema alle ginocchia.

La paura che il patto del Nazareno possa cadere è crescente nel Pd e crea fibrillazione anche nelle altre forze della maggioranza di governo. Se Forza Italia crolla alle europee, l'Italicum andrà sicuramente rivisto. Se, infatti, il partito dell'ex cavaliere dovesse fermarsi al 15%, non avrebbe più interesse a siglare una riforma elettorale che potrebbe finire in una sfida tra Matteo Renzi e Beppe Grillo.

Non è bastata a dissipare i dubbi di Renzi la telefonata ricevuta da Berlusconi, una settimana fa. L'ex cavaliere ha chiarito che non intende affatto mettere in discussione l'intesa del Nazareno. I toni erano molto concilianti, lontani dalle previsioni catastrofiche di Renato Brunetta: "Non ti preoccupare Matteo, il patto tiene".

Il capogruppo di Fi alla Camera, intanto, continua a dipingere scenari foschi: "Sulla riforma del Senato sono in alto mare - dice alla trasmissione Zapping, su Radio Uno - mentre la legge elettorale è insabbiata a Palazzo Madama, perché lì Renzi non ha i voti".

A bilanciare il pessimismo di Brunetta ci pensa il sottosegretario  Graziano Delrio, che a Porta a Porta commenta così l'incontro fra Renzi e Berlusconi: "E' giusto per il bene del Paese che i leader si parlino e che continuino a parlarsi costantemente" sul tema delle riforme". E aggiunge: "Tutti abbiamo notato un certo nervosismo negli ultimi giorni da parte di Berlusconi" c'era "la necessità di sentirsi di continuare a parlarsi per un cammino che fa bene all'Italia".

Tags:
renziberlusconi
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.