A- A+
Politica

Con un lungo articolo, Ezio Mauro e, con una fluviale intervista al "Corriere della Sera", Guglielmo Epifani hanno bocciato ogni ipotesi di "salvacondotto" a  Berlusconi. E anche Renzi si è detto favorevole a un Pd subalterno alle toghe.

Innanzitutto, un'obiezione di forma. Non spetta nè al direttore del giornale, fondato dal grande nemico prima di Craxi e poi di Berlusconi, Scalfari, e neppure al leaderino pro-tempore del Pd il compito di emanare provvedimenti come la grazia, altre forme di clemenza e neppure commutare le pene. L'articolo 87 attribuisce questi poteri al Capo dello Stato.

In secondo luogo, non tutti, nello schieramento di centrosinistra, hanno posizioni così chiuse a qualsiasi spiraglio di soluzione del cosiddetto "caso Berlusconi".

Don Franco Debenedetti, che è stato senatore eletto dai progressisti ed è il fratello di Don Carlo, proprietario di "Repubblica", ha detto che, tra i progetti proposti dall'ex premier al Paese, vi erano cose giuste, in cui tanti hanno creduto. E conviene ai cittadini continuare a crederci, in primis l'obiettivo di profonde riforme della giustizia e della magistratura.

E, inoltre, anche in passato, la sinistra ha assunto posizioni tutt'altro che rigide come quelle dei "soldati" antiberlusconiani Mauro ed Epifani. Ma attente ai diritti e al garantismo.

Per anni, fu operante un fronte progressista, comprendente anche settori della CGIL di Epifani e del giornale-partito di Scalfari, che si impegnò a favore della concessione della grazia ad Adriano Sofri, condannato non per frode fiscale, ma come mandante dello spietato delitto Calabresi. Oggi l'ex "cattivo maestrone" è uno dei più sussiegosi editorialisti del quotidiano di nonno "Barbapapà".

Marco Pannella, da parte sua, fece eleggere deputato Toni Negri, condannato per "insurrezione armata contro i poteri dello Stato". Ma il furbo prof. una volta parlamentare riparò in Francia.

Nel 1978, il Presidente, dc, Leone "era con la penna in mano" per firmare la grazia a una  brigatista rossa ammalata, Paola Besuschio, come iniziativa dello Stato per ottenere la liberazione di Aldo Moro, catturato dai terroristi e poi ucciso.  

Massimo D'Alema, premier nel 1998, diede ospitalità al capo dei terroristi curdi, Ocalan, in patria condannato a morte.

E un autorevole statista di sinistra, Mitterrand, quando era Capo dello Stato, fu l'ispiratore della "dottrina Mitterrand", che equivaleva al "disco verde" all'accoglienza, in Francia, di spietati assassini, in primis Cesare Battisti, e di ex dirigenti della estrema sinistra, tra cui Scalzone.

La strada maestra da seguire è quella della riforma dell'amministrazione della giustizia, a partire da nuove e più severe regole per l'azione disciplinare nei confronti dei magistrati che sbagliano, come don Antonio Esposito, l'arbitro, tutt'altro che sereno e imparziale, del recente processo, in Cassazione, a Berlusconi.

Quanto al gelido Epifani, obbediente a tutte le sentenze - anche a quella, discussa, che ha condannato Del Turco, a cui deve la sua ascesa nella CGIL e per il quale non ha speso neppure una seppur generica frase di solidarietà personale- la migliore risposta la ha data uno dei legali del Cav.il prof. Coppi : "Dove sta scritta questa balla delle sentenze da rispettare ? La sentenza definitiva, spesso, non è la sentenza giusta. Le sentenze possono essere criticate, come qualsiasi prodotto dell'ingegno umano. E, molto spesso, sono subite da persone, stangate ingiustamente".

Scusiate, Renzi, Mauro, Epifani, do you remember Carnevale, Tortora, Mancini, Mannino, Musotto e tante altre vittime di lunghi e angosciosi  calvari giudiziari prima che dei giudici, più sereni e preparati di Esposito, li prosciogliessero, troppo tardi per riprendere a far politica e, in alcuni casi, per restare in buona salute e vivi ?

Pietro Mancini

Tags:
renziepifaniberlusconigiudici
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.