A- A+
Politica
Renzi: "Escludo una manovra correttiva. Gli immigrati? La Ue non può girare la testa"

"Escludo una manovra correttiva". Lo ha detto il premier, Matteo Renzi, intervenendo alla trasmissione radiofonica '24Mattino' su Radio 24. Lo puo' dare per certo, chiede il giornalista "assolutamente si'" sottolinea il presidente del Consiglio.

"La manovra si e' fatta, ma per tagliare le tasse - ha aggiunto Renzi -. Ho sentito dire che il provvedimento sugli 80 euro e' niente, forse per chi guadagna molti soldi e' cosi'. Per me e' una misura di giustizia sociale. E' il primo taglio delle tasse di questo Paese". Affrontando piu' in generale il tema dello stato dell'economia Renzi ha sottolineato il suo ottimismo. "Non e' ottimismo stupido - ha spiegato - ma che fa i conti con la realta': non diciamo che la crisi sia finita ma i segnali della ripresa sono importanti". Commentando poi i dati sul Pil diffusi ieri dal'Istat Renzi ha infine affermato: "Abbiamo dati sostanzialmente uguali a quelli di Francia e Germania. Si deve accelerare sulle cose necessarie per il rilancio"

"Questo video fa venire i brividi. Se non ti vengono, vuol dire che non sei umano. Non sei un babbo, non sei una mamma, non sei una persona". Lo afferma in una intervista a 'La Repubblica' il premier, Matteo Renzi, commentando le immagini dei cadaveri dei migranti morti a Lampedusa il 3 ottobre pubblicate ieri dal quotidiano e mostrati nel video di Repubblica.it. Circa le soluzioni politiche da intraprendere, secondo Renzi "il problema non si puo' risolvere solo attraverso una denuncia. E' evidente che quelle immagini sono il segno di un fallimento totale. Infatti dopo la strage di Lampedusa e' partita una iniziativa straordinaria del governo italiano ? quello precedente al mio ? che si chiama Mare Nostrum. Costa un po' di soldi, come dicono i leghisti ed altri, ma consente di ridurre di molto le morti, anche se quelle degli ultimi giorni dimostrano che c'e' ancora tanto da fare". E in tal senso il premier sottolinea come "Mare Nostrum non puo' essere solo nostrum, dell'Italia, deve essere invece un'iniziativa europea".

"A Reggio Calabria - prosegue Renzi - mi ha colpito il racconto di un pescatore che ha spiegato come l'Europa imponga le modalita' di pesca del pesce spada, entrando nei dettagli e creando problemi. Ecco, un'Europa che ci dice tutto del pesce spada ma che si gira dall'altra parte di fronte ai migranti morti, di sicuro va cambiata. Va resettata e sintonizzata sulle onde dell'umanita'". "Servono investimenti in Africa e interventi dell'Unione su tutto il Mediterraneo. Noi come governo proponiamo anche un inviato dell'Onu in Libia, dove al momento passa il 96 per cento dei migranti che arriva in Italia, spesso genti richiedenti asilo perche' in fuga dalla Siria o dal Corno d'Africa. Ognuno voti quello che vuole ma vada a votare anche per questo". E proprio sul versante immigrati il premier tiene a sottolineare che "questo non e' un Paese razzista. Lo dico perche' ci credo". "Quella coppia di persone morte abbracciate, quel ragazzo che nel barcone cerca un ultimo appiglio per tenersi stretto alla vita, ci impongono di fare il nostro dovere. E noi lo facciamo. L'Europa no". "L'Italia quello che doveva fare lo ha fatto e continuera' a farlo. Questo governo chiedera' poi all'Europa di fare politica, indicheremo dei vincoli gia' durante il processo di formazione della nuova Commissione. Io non posso rimanere inerme se in Siria c'e' un paese di tremila persone dove i cristiani vengono crocifissi. Non posso rimanere in silenzio davanti alle dodicenni rapite in Nigeria o ai morti del Corno d'Africa. In questi anni la politica estera dell'Unione europea e' stata la grande assente del dibattito internazionale. Abbiamo un vertice il 26 e 27 giugno sui temi dell'immigrazione: metteremo il Mediterraneo al centro della discussione perche' e' la nuova frontiera. Frontex, l'agenzia per le frontiere, non puo' stare solo a Varsavia".

"Genovese non ha avuto trattamenti negativi. Il Pd e' garantista e se ci sono delle regole si rispettano per tutti". Lo ha detto il presidente del Consiglio, e segretario del Partito democratico, Matteo Renzi a Radio24. "Sono vent'anni che diciamo che la legge e' uguale per tutti - ha aggiunto - se vale per Berlusconi, vale anche per noi".

Tags:
renzi
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...

Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.