A- A+
Politica
Renzi rischia davvero di cadere. I numeri che agitano il premier


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"La sinistra Pd non starà affatto buona, né sulla riforma della scuola né sulle riforme istituzionali". Un parlamentare del Partito Democratico confida ad Affaritaliani.it che cosa potrebbe accadere in Parlamento, soprattutto a Palazzo Madama, dopo l'esito deludente delle Amministrative di domenica scorsa per il premier. La batosta in Veneto (meno venti punti sulle Europee anche considerando i voti alla Lista Moretti) e il forte calo nelle altre Regioni e nei Comuni hanno lasciato il segno. Renzi ha detto che "l'Italia sta decollando" e paragonando il Paese all'Alitalia ha chiesto di "allacciare le cinture". Ufficialmente, quindi, il presidente del Consiglio si mostra ottimista e punta ad andare avanti, ma dietro le quinte cresce la preoccupazione. L'uscita dalla maggioranza di Mario Mauro da sola non crea grossi problemi ma potrebbe essere l'antipasto di un malumore tra i centristi per un governo sempre più monocolore Pd. Un malumore che potrebbe esplodere sulle unioni civili tra i cattolici di Area Popolare e tra gli ex montiani. Poi c'è la sinistra Pd che, forte dei dati elettorali, è decisa a dare battaglia in Senato sia sulla scuola sia sulle riforme istituzionali.

I numeri cominciano a traballare per il premier. Ora, senza Mauro, ha nove voti di margine a Palazzo Madama. Se altri senatori centristi dovessero seguire i Popolari per l'Italia e/o nella minoranza dem qualcuno si sfilasse il governo potrebbe davvero non avere più la maggioranza in un ramo del Parlamento. A questo punto gli occhi sono puntati sui 10-12 senatori di Forza Italia (i numeri non sono certi) che fanno riferimento a Denis Verdini, l'artefice del Patto del Nazareno poi strappato da Silvio Berlusconi dopo l'elezione di Sergio Mattarella al Quirinale. Proprio i voti dei cosiddetti verdiniani - è il ragionamento che fanno sia a Palazzo Chigi sia al Nazareno - potrebbero tenere in piedi l'esecutivo, con la nascita del gruppo dei 'Responsabili' di cui si è parlato a lungo nei mesi scorsi. Ma la strada è comunque in salita. Se attualmente i senatori della minoranza dem anti-Renzi sono 8 o 10, nel caso in cui il premier-segretario avesse il sostegno decisivo di una fetta di Forza Italia l'area del dissenso nel Pd potrebbe aumentare fino a 20 senatori, rendendo così inutile il soccorso di Verdini e dei suoi. Ed ecco che l'ottimismo di Renzi, sbandierato con tanto di paragone con Alitalia, rischia di evaporare molto presto. Un po' come i voti del Pd dalle Europee alle Regionali.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo renzirenzisenatogovernoverdiniforza italia
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.