A- A+
Politica
Il Patto del Nazareno vacilla ma tiene. Silvio, critico, non rompe


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"L'accordo raggiunto ieri tra i partiti della maggioranza di governo sulla legge elettorale contrasta con il Patto del Nazareno, sia per quanto riguarda lo sbarramento al 3% sia per quanto concerne il premio alla lista e non alla coalizione. Comunque oggi ascolteremo la relazione di Berlusconi nell'Ufficio di Presidenza del partito e poi prenderemo una posizione ufficiale". Il senatore Altero Matteoli, interpellato da Affaritaliani.it, è l'unico esponente di Forza Italia ad espimersi sull'intesa Renzi-Alfano che modifica l'Italicum. Leggendo tra le righe è evidente l'irritazione degli azzurri per la mossa del premier ma non c'è una chiusura totale. Quel richiamo alle parole dell'ex Cavaliere, che oggi riunisce i vertici del partito, lascia aperte tutte le porte. Stando a quanto risulta ad Affaritaliani.it, Berlusconi non è contento di quello che ha fatto Renzi, anche perché lo mette in difficoltà con la minoranza interna di Fitto e Capezzone. L'idea l'ex premier sarebbe quella di criticare le novità introdotte nel vertice di maggioranza ma senza rompere il Patto del Nazareno tenendo quindi aperta la porta del dialogo. E' difficilissima la posizione di Berlusconi. Dire sì a Renzi è pericoloso perché i 'ribelli' azzurri acquisiranno nuova forza e aumenteranno la loro pressione e nei sondaggi continuerà la perdita di consensi verso la Lega di Salvini. Ma rispondere no al leader del Pd - spiegano fonti di Fi - è quasi impossibile. L'ex Cav vuole essere protagonista della stagione delle riforme e, soprattutto, c'è la forte pressione dei figli e di Fedele Confalonieri, riuniti ieri ad Arcore, che insistono per tenere in piedi il dialogo con il presidente del Consiglio in quanto alle aziende di famiglia serve stabilità e una rottura del Patto del Nazareno potrebbe portare alle elezioni anticipate e a una maggiore conrapposizione dell'esecutivo verso le istanze di Mediaset e Fininvest. Quindi, l'ipotesi più probabile è che Berlusconi critichi l'accordo Renzi-Alfano, per salvare la faccia e non sembrare pronto a dire 'sì signore', ma senza rompere, tenendo in vita il filo del dialogo.

Tags:
renziberlusconi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.