A- A+
Politica
Autonomia differenziata, il piano Calderoli. Compromesso con FdI su... Inside
Roberto Calderoli

La contropartita di Fratelli d'Italia: avvio della riforma presidenzialista e Roma Capitale nella legge di Calderoli


L'appuntamento è fissato per domani, giovedì 17 novembre. Il ministro per gli affari regionali e le autonomie, il leghista Roberto Calderoli, presenterà - su richiesta delle Regioni - il progetto di autonomia differenziata come ospite della Conferenza Stato-Regioni guidata dal presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga. Finora a fare richiesta ufficiale sono stati Luca Zaia, Veneto, Attilio Fontana, Lombardia, e Stefano Bonaccini, Emilia Romagna. Il Piemonte ha approvato un odg in consiglio regionale, ma non c'è stato finora alcun seguito ufficiale. Anche il presidente della Toscana Eugenio Giani si è detto interessato, così come quello della Calabria Roberto Occhiuto e quello della Puglia Michele Emiliano.

Zaia, capofila dell'autonomismo leghista di bossiana memoria, anche sulla spinta del referendum regionale che ormai risale al 2017, ha chiesto per il Veneto tutte le 23 materie concorrenti previste dalla Costituzione. La stessa richiesta è stata avanzata da Fontana, anche se con minor enfasi. Il compito di Calderoli è quello di presentare una proposta di legge dello Stato che implementa l'articolo 117 della Carta per attuare l'autonomia differenziata. I tempi, andando bene, potrebbero essere di circa un anno e quindi arrivare a compimento dell'iter entro il Natale del 2023.

Da più parti in questi giorni è stato scritto che il piano del ministro leghista ed vicepresidente del Senato è "molto leghista", all'insegna del "federalismo spinto". In realtà, semplicemente recepisce in toto quanto previsto dalla Costituzione e cioè dà la possibilità - l'autonomia differenziata non è obbligatoria ma volontaria, cioè può essere chiesta da ogni singola regione a statuto ordinario - di cedere agli enti locali tutte le 23 materie concorrenti scritte nella Carta. Politicamente il Pd e il Movimento 5 Stelle, subito dopo la nascita del governo Meloni, hanno parlato di una riforma del Nord, leghista, quasi padana.

Giocando sulla contrapposizione tra il Carroccio e Fratelli d'Italia, storicamente partito centralista che in passato aveva addirittura avanzato l'idea di una proposta di legge per ridurre (e non ampliare) le competenze delle regioni. Ecco perché Bonaccini ha chiesto solo una parte delle materie, non tutte come Zaia, perché frenato dai vertici nazionali del suo partito. A maggior ragione alla vigilia della sua discesa in campo come candidato alla segreteria Dem del dopo Enrico Letta.

Il progetto del ministro Calderoli è condiviso dal vicepremier e titolare delle Infrastrutture Matteo Salvini. Il segretario della Lega, dopo l'esito deludente delle elezioni dello scorso 25 settembre, ha in qualche modo dovuto rivedere i piani di partito nazionale, pur confermando la presenza nelle regioni del Centro-Sud, rilanciando la proposta autonomista e federalista. Anche su spinta dell'asse del Nord che, oltre ai governatori Zaia, Fedriga e Fontana, comprende il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti.

E' chiaro che la "propaganda" dei Dem e pentastellati ha innervosito il partito della presidente del Consiglio che intende porre tutta una serie di paletti che garantiscano l'unità nazionale e che non vadano in alcun modo a minare la stessa unità nazionale, principio fondamentale e imprescindibile per la destra italiana. La contropartita per Fratelli d'Italia sarà, su iniziativa della ministra per le Riforme istituzionali Maria Elisabetta Alberti Casellati, la presentazione prima in Cdm e poi in Parlamento, al massimo all'inizio del prossimo anno, di una proposta di legge di riforma della Costituzione che introduca il presidenzialismo, proprio per bilanciare l'autonomia differenziata.

Meloni è aperta a varie ipotesi, sia il semi-presidenzialismo alla francese sia il presidenzialismo puro all'americana. Purché il Capo dello Stato venga scelto direttamente dai cittadini e non più con faticosi accordi e compromessi di partito come abbiamo visto il febbraio scorso in occasione della rielezione di Sergio Mattarella al Quirinale. Ma c'è un secondo punto che costituisce una importante contropartita per Fratelli d'Italia ed è l'istituzione per legge, proprio nella proposta Calderoli, di uno status speciale per Roma Capitale, sul modello di Parigi, Berlino, Londra e delle altre grandi capitale non solo europee.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
autonomia differenziataroberto calderoli





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.