A- A+
Politica
Roma sotto assedio dagli ambientalisti, dopo i rave intervenga Piantedosi
Attivisti bloccano GRA

Roma sotto assedio da parte degli ambientalisti violenti, supportati anche dai movimenti  politici 

Oltre i rave party, brillantemente risolti dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, esiste anche un altro enorme problema che ancora non è stato considerato e che speriamo che il nuovo ministro –se ci legge- voglia affrontare magari con un decreto ad hoc: e cioè quello dei blocchi stradali da parte di una associazione violenta e pericolosa. “Violenta” perché anche distendersi per terra per bloccare il traffico è un’azione violenta nei confronti di chi la deve subire e “pericolosa” perché queste azioni possono provocare gravi incidenti.

La loro strategia è nota: si piazzano la mattina presto su strade fondamentali per il traffico romano, già notoriamente impossibile, e lo bloccano distendendosi per terra e mandando letteralmente in bestia gli automobilisti che devono andare al lavoro. Il fenomeno è ormai divenuto purtroppo ripetitivo perché la Polizia e i vigili urbani non reagiscono ancora adeguatamente e si limitano a spostare fisicamente i manifestanti dalla strada depositandoli ai bordi per vederseli poi sgattaiolare subito dopo nella stessa posizione.

I blocchi colpiscono ormai quasi giornalmente la città in tutti suoi quadranti più trafficati per ottenere il massimo effetto distruttivo. Il loro obiettivo è il Grande Raccordo Anulare ma colpiscono anche le strade interne ad alto traffico. Il questore di Roma ha emesso recentemente 11 “fogli di via obbligatori”, ma siamo certi che non serviranno a molto perché ci vuole un’azione più energica e per questo che il popolo italiano ha votato il nuovo governo.

Prima o poi, infatti, ci scapperà l’incidente grave perché la gente è esasperata e qualcuno, meno tollerante degli altri, potrebbe finire per passare sopra a qualche manifestante. Per evitare tutto questo è meglio che la Polizia intervenga subito con decisione e sfolli rapidamente con la forza questi blocchi e queste manifestazioni peraltro non autorizzate.

A tutti interessa l’ambiente e i cambiamenti climatici ma non si può prendere lo spunto da questi temi per praticare un vero e proprio terrorismo verde di cui nessuno sentiva l’esigenza in una città già sovraffollata e problematica come è la Capitale d’Italia. Occorre identificare ed agire principalmente sui capi dei rivoltosi. Ad esempio Maria Letizia Ruello è stata intervistata da una nota testata romana on – line è ha candidamente dichiarato: "Pensare che a 10 km da dove abito sono morte 13 persone per un’alluvione mi dà la forza di stare qui. A casa mia, a Senigallia, quasi non pioveva e in un'ora sono morte 13 persone. Dopo di questo, farei di tutto". La Ruello è una ricercatrice dell’Università politecnica delle Marche che ha bloccato il Raccordo anulare romano la mattinata del 19 ottobre.

Quindi è una dipendente pubblica di cui si conosce nome cognome residenza, rea confessa di un reato, cosa si aspetta a procedere? Speriamo che la signorina sia stata almeno denunciata visto che minaccia di reiterare il reato. Forse che la colpa delle piogge che hanno provocato il noto dramma è di chi sta guidando la macchina per andare al lavoro? Non è questo il modo di protestare.

Poi uno degli attivisti dichiara: "Finora un impegno concreto è stato preso solo da Europa Verde che ha firmato un accordo per portare in Parlamento le richieste di Ultima Generazione e tradurle in disegno di legge entro un mese dall’insediamento del nuovo Governo". E qui la questione si fa ancora più seria. Come può un Movimento politico parlamentare appoggiare un gruppo di violenti che non rispettano niente e nessuno?

Iscriviti alla newsletter
Tags:
piantedosiroma





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.