A- A+
Politica
Sanità Calabria come detto da Affari:accordo fatto, arrivano 497 medici cubani
Roberto Occhiuto Presidente della Regione Calabria

Medici cubani lavoreranno nella sanità pubblica italiana. Anni di politiche disastrose hanno portato a questo bel risultato

Non era una bufala come tanti continuavano a sostenere: i medici cubani arriveranno davvero in Calabria da settembre. Poche ore fa lo ha annunciato in un video il governatore della Regione Roberto Occhiuto: “Non ci sono abbastanza medici qui in Italia. Il numero chiuso a medicina ha privato il nostro Paese dei medici che sarebbero necessari. Tutte le Regioni stanno facendo di tutto per reclutare medici e non ci riescono. Questo problema è ancora più grave in Calabria”. Poi racconta che per quanto siano stati banditi più concorsi, per posizioni a tempo indeterminato, sono andati deserti. La Calabria non è attrattiva. 

Dopo 12 anni di commissariamento e alcune Asl che neanche chiudono i bilanci, te credo! 

Occhiuto: “Allora che facciamo? Chiudiamo gli ospedali? Chiudiamo i Pronto Soccorso? Non garantiamo il diritto alla cura ai cittadini calabresi? No! Per questo, da qualche mese, ho intavolato una trattativa con il governo cubano, con la società statale del governo cubano. Oggi ho firmato questo accordo. Ci daranno fino a 497 medici, quelli che servono nei nostri reparti ospedalieri. Cominceremo da settembre con alcune decine di medici che integreremo nel nostro sistema sanitario. In affiancamento a dei medici calabresi questi medici garantiranno il diritto alla cura dei calabresi”.

La notizia trapelata ai primi di luglio e riportata in un servizio dell’emittente televisiva privata locale “La C News24” è stata però immediatamente tacciata come priva di fondamento anche quando Affaritaliani l’ha verificata e rilanciata. Il tutto nonostante le conferme degli ambienti interni della Sanità regionale che con dovizia di particolati erano arrivate a noi, con critiche di ogni tipo alla scelta della Regione.

“Comercializadora de Servicios Medicos Cubanos S.A. (Csmc S.A.)". E’ questo il nome della società di statale alla quale fa riferimento Occhiuto. Sarebbero più di 2.400 medici che mancano nella sanità calabrese dopo i noti 12 anni di commissariamento del settore che hanno fatto danni ingenti.

Trapela anche che l'intesa con Cuba non sarà a costo zero per la Regione Calabria. Per ogni medico la Regione corrisponderà a Csmc un corrispettivo mensile onnicomprensivo pari a 3.500 euro, compenso che sarà corrisposto a cadenza trimestrale, e a ciascun operatore sanitario l’importo forfettario netto mensile di 1.200 euro, a copertura delle spese di mantenimento.

L’ente dovrà anche sostenere i costi di viaggio Italia-Cuba, due andata/ritorno all’anno, e delle spese di alloggio, nonché dei costi per la formazione integrativa. Per ciascun medico, dunque, la Regione prevede un budget di 4.700 euro al netto delle spese di alloggio. In Italia un medico in media guadagna 65.000 euro all’anno. Fatti due conti sembra esserci un risparmio non da poco. Ma se tanto mi dà tanto la prassi di importare medici da Paesi meno sviluppati del mondo potrebbe aprire un vulnus sulle paghe e le condizioni di lavoro dei medici italiani. Questa la preoccupazione della categoria e dei sindacati

I medici cubani sono della stessa scuola che ha aiutato l’Italia, in Lombardia e in Piemonte, nei mesi più caldi della pandemia.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    497 mediciaffaritalianicalabriacubamedici cubaniocchiutosanità





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.