A- A+
Politica
Scuola: subito le 100 mila assunzioni. Lega, M5S e Sel non ci stanno

Un membro esterno per valutare gli insegnanti, gli idonei al concorso 2012 verranno inseriti nel piano di assunzioni, un tetto di 100.000 euro per le erogazioni liberali dei privati alle scuole, bando di concorso entro il 1 dicembre 2015 per l'assunzione a tempo determinato del personale docente, una valutazione triennale dei presidi. Sono queste le principali novita' contenute nel maxiemendamento presentato dai relatori del ddl Scuola alla commissione Istruzione al Senato. Il testo andra' in aula domani pomeriggio senza che pero' si possa concludere l'esame e giovedi', molto probabilmente, ci sara' il voto di fiducia. Il testo della riforma dovra' poi passare alla camera per l'ultimo esame.

Nel maxiemendamento si prevede che le prime 100.000 assunzioni vengano fatte entro il mese di agosto, mentre slitta da ottobre a dicembre il 'concorsone'. I dirigenti scolastici saranno valutati, su base triennale, in base al miglioramento degli studenti, alla valorizzazione del personale e alle competenze organizzative. A valutare i docenti invece saranno non piu' solo docenti, genitori e studenti ma anche un componente esterno indicato dall'Ufficio scolastico regionale.

Il ddl sulla scuola approdera' domani pomeriggio nell'aula del Senato senza che si sia concluso l'iter in commissione Istruzione, e quindi senza relatori, e giovedi' ci sara' il voto di fiducia. Lo ha riferito al termine della conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, il presidente dei senatori della Lega Gian Marco Centinaio. "L'obiettivo della maggioranza - ha spiegato Centinaio - e' di chiudere giovedi'. Noi della Lega al momento del voto di fiducia usciremo dall'aula perche' non diamo la fiducia a nessuno. Questo teatrino fa ridere i polli".


Ma il maxiemendamento presentato dai relatori sul ddl scuola scontenta le opposizioni che, pur avendo dato una lettura ancora superficiale del nuovo testo, sono concordi nel dire che di fatto "l'impianto rimane lo stesso" e che quindi gli emendamenti di Sel, M5S e Lega resteranno e non saranno ritirati. Da parte sua, invece, la relatrice Francesca Puglisi ha sostenuto, al termine della riunione della commissione Istruzione del Senato, che il maxiemendamento "raccoglie quanto ascoltato durante le audizioni, tiene conto del dibattito svolto in commissione e raccoglie diverse richieste delle opposizioni. Ci sono - ha spiegato - dei miglioramenti ad esempio nei criteri per la quota premiale per i docenti". E ancora, ha difeso "la buona scelta" della 'chiamata diretta' dei presidi e ha sostenuto: "I dirigenti scolastici non sono manager ne' sceriffi ma persone responsabili degli esisti della scuola". Da qui il rinnovato invito alle opposizioni a collaborare e a ritirare gli emendamenti.
 
Ma la risposta di Sel, M5S e Lega non si e' fatta attendere ed e' di chiusura. La senatrice di Sel, Alessia Petraglia, e' dura: "Abbiamo letto velocemente il maxiemendamento e ci sono tutti gli articoli del vecchi ddl, di fatto e' una riscrittura dello stesso testo, a parte piccole modifiche peggiorative. Noi - ha proseguito - speramo si possa continuare il lavoro parlamentare, con una discussione seria. A meno che non ci stiano prendendo in giro e questo non sia alla fine solo un testo propedeutico a quello su cui il governo porra' la fiducia in aula. Qui si corre il rischio dell'ennesima farsa". Anche per la senatrice M5S, Enza Blundo, "nonostante alcune modifiche riprendano cio' che abbiamo portato avanti, nella sostanza pero' non cambia nulla" e per questo "la nostra posizione rimane la stessa". Quindi, "ci auguriamo che i lavori della commissione possano proseguire" ricordando che "la settimana scorsa la commissione era stata sconvocata solo per le dichiarazioni di Renzi a 'Porta a porta' su una possibile conferenza di luglio". Stessa linea per la Lega. Il capogruppo Gian Marco Centinaio ha detto: "Vedremo se qualcosa e' stato accolto e cosa. Noi della Lega abbiamo presentato solo 130 emendamenti, di merito e non certamente per ostruzionismo: se qualcuno verra' accolto, non lo presenteremo piu'. Senno' rimarra'. Non facciamo sconti a nessuno".

- "Se la riforma andra' avanti ci saranno 100mila assunzioni in piu', un grande investimento sugli insegnanti ed una riorganizzazione, altrimenti ci sara' il regolare turn over con 20-25mila assunzioni". Lo ha ribadito il premier Renzi parlando con i giornalisti a Courmayeur dove e' stata inaugurata la nuova funivia del Monte Bianco. Nella riforma non e' previsto alcun cambio per quanto riguarda le vacanze scolastiche, ha spiegato il premier, precisando "di questo parleremo solo dopo che la riforma sara' approvata". "Di vacanze scolastiche - ha aggiunto - non parlo nemmeno sotto tortura perche' e' stata sufficiente una battuta del ministro Poletti in proposito per avere tre settimane di scioperi e problemi familiari con i miei figli".

"L'emendamento interamente sostitutivo presentato dai relatori e' un ottimo lavoro di sintesi che accoglie alcune richieste e che contiene la fattibilita' del piano delle assunzioni. Spero che il ddl vada a buon fine". Cosi' il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, al termine del lavoro della VII commissione del Senato su ddl scuola. Giannini ha sottolineato che il provvedimento "mette 3 miliardi nelle casse della scuola pubblica". 

Tags:
scuolariformaassunzionilegaselm5s

i più visti

casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.