A- A+
Politica
Sondaggio, Di Maio sfiora il 5%. Conte e il M5S crollano sotto il 10

Luigi Di Maio  Giuseppe Conte
Lapresse

Sondaggio, ottimo debutto per Insieme per il Futuro di Luigi Di Maio
 

Di Maio vola, Conte e il Movimento 5 crollano. E' il dato principale del sondaggio Winpoll-Sole24Ore. ll sondaggio che pubblichiamo oggi - scrive Roberto D'Alimonte - è l’occasione per fare il punto sulla evoluzione del quadro politico dopo elezioni amministrative e la scissione del M5s.  Ed è un quadro che registra novità significative che dovranno essere confermate da altri sondaggi nelle prossime settimane. In tema di intenzioni di voto i due dati più rilevanti riguardano M5s e Fdi e sono la conferma di tendenze in atto da molti mesi: il declino dei Cinque Stelle e la crescita di Fratelli d’Italia.

Nel caso del partito di Conte c’era da aspettarsi che la recente scissione dell’ala di Di Maio avrebbe provocato danni accelerando la tendenza negativa e così è.  Per stimare l’effetto Di Maio’ agli intervistati è stato chiesto sia come avrebbero votato nel caso in cui non fosse presente il partito del ministro degli esteri sia nel caso in cui ci fosse il suo partito, ‘Insieme per il Futuro’. 

Nel primo scenario il Movimento è stimato al 9,9 %. Il dato è inferiore di 2,4 punti percentuali rispetto alla media dei sondaggi della settimana 12-18 Giugno (Termometro Politico). Nel secondo scenario  scende al 6,9%, mentre il partito di Di Maio è stimato al 4,7%. Occorre molta prudenza nel valutare entrambi questi dati, soprattutto quello di Insieme per il Futuro. Abbiamo visto in passato cosa è successo nel caso delle scissioni di Alfano, di Bersani  e di Renzi . Le stime iniziali erano promettenti ma in tutti questi casi il favore degli elettori è durato poco. Il partito di Alfano è sparito e quelli di Bersani e di Renzi viaggiano sotto il 3%, la soglia minima per ottenere seggi.

Quanto al M5s quello che sta succedendo  non può sorprendere. Indipendentemente dalla scissione, le incertezze che ne caratterizzano la linea politica e la leadership spiegano da sole l’accentuazione della tendenza negativa. Il problema però è di fondo e non legato solo a Conte e Di Maio. Lo si vede bene nelle risposte alle domande sull’operato del governo Draghi e sulla politica nei confronti della guerra in Ucraina. Insieme a quelli della Lega gli elettori del Movimento sono quelli più critici sulle sanzioni e sull’invio di armi. Il dato pubblicato qui è stimato sulla base dello scenario senza la presenza del partito di Di Maio per cui è lecito ipotizzare che dopo la scissione la percentuale dei pentastellati critici, sia nei confronti del governo che in tema di politica estera, sia ancora più elevata.

L’ipotesi è plausibile visto che il raffronto fra gli scenari con e senza il partito di Maio indica che i voti per Insieme per il Futuro vengono prevalentemente dagli attuali elettori del Movimento. Se così è, dopo la scissione , Conte si ritrova in mano un partito sempre meno favorevole a restare al governo o quanto o meno a sostenerne la politica estera.  E’ paradossale che il 44% degli elettori di Fratelli d’Italia, che sta all’opposizione, dia un giudizio favorevole del governo contro il 25% di quelli del Movimento che invece lo sostiene. E la stessa osservazione si può fare a proposito della Lega, visto che solo il 43%  giudica molto bene o più bene che male l’operato di Draghi.

A proposito di Fratelli d’Italia - scrive ancora Roberto D'Alimonte su Il Sole 24 Ore - ripetiamo quanto già detto in apertura: questo sondaggio ne conferma la tendenza positiva.  Per essere precisi, quello che appare qui è una ripresa della sua crescita dopo un periodo di stasi. Il 25,5% stimato oggi rappresenta un picco. La media dei sondaggi della settimana scorsa dava il partito della Meloni al 22,7%.  Quasi tre punti in più non sono pochi.  D’Altronde in un periodo in cui crescono le paure e i risentimenti legati alla situazione economica e alle prospettive future essere l’unico partito alla opposizione è un vantaggio non da poco. Va da sé che per la Lega di Salvini, ferma intorno al 15%, è una brutta situazione tanto più ala luce delle posizioni di tanti suoi elettori su governo, sanzioni e armi.

Quanto agli altri partiti il Pd si conferma il secondo partito del sistema con una percentuale di poco inferiore alla media delle ultime settimane.  Riesce a stare sopra il 20% ma non mostra alcuna capacità espansiva. I suoi elettori sono costantemente i più favorevoli al governo e alla sua politica estera, ma questo non gli può bastare per competere efficacemente alle prossime politiche. Adesso dovrà fare i conti con un campo sempre più largo dopo la scissione di Di Maio.

Metterlo insieme non sarà facile, viste anche le posizioni critiche degli elettori del M5s. Infatti, come si vede dai dati, su governo Draghi e politica estera i due elettorati sono agli antipodi. I Cinque Stelle sono più vicini alla Lega che al Pd.

Chiudiamo su Forza Italia. Il partito di Berlusconi esce bene da questo sondaggio. E’ da tempo che non si avvicinava al 10%.  E’ un pacchetto di voti prezioso perché sarà decisivo alle prossime elezioni. Sommato ai voti stimati di Fdi e Lega porta la coalizione di centro destra oltre il 50%. Con questa percentuale la maggioranza assoluta dei seggi  alle prossime politiche è certa. Ma siamo lontani dal voto e la situazione politica resta molto fragile.

Per non parlare di quella economica e finanziaria. I dati presentati qui non sono una novità assoluta. Però, insieme all’esito dei ballottaggi di oggi, potrebbero essere utilizzati per destabilizzare il governo. Speriamo che prevalga il buon senso al di sopra delle convenienze di breve periodo. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sondaggio di maio volasondaggio m5s conte crollasondaggio melonisondaggio partiti





    in evidenza
    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

    Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

    
    in vetrina
    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

    Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


    motori
    DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

    DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.