A- A+
Politica

In corso di notifica 41 avvisi di fine indagine nell'ambito dell'inchiesta aperta per peculato dalla Procura di Bologna sulle cosiddette 'spese pazze' dei consiglieri regionali dell'Assemblea legislativa dell'Emilia Romagna. Sarebbero coinvolti tutti i gruppi dell'assemblea. Gli avvisi di chiusura indagini, firmati dai pm Antonella Scandellari e Morena Plazzi e vistati dal procuratore aggiunto Valter Giovannini, saranno notificati entro la giornata a partire dai capigruppo consiliari a cui viene contestata una cifra maggiore rispetto a quella spesa singolarmente. Infatti, in base alla loro posizione di garanzia la Procura ritiene che avrebbero dovuto impedire che i consiglieri utilizzassero in modo, ritenuto non pertinente dall'accusa, il denaro pubblico.

Tags:
spese pazze
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.