A- A+
Politica
Ucraina e invio di armi, da Letta a Schlein: le giravolte della Sinistra

Enzo Pennetta, un Professore agli antipodi della ragazzotta cresciuta sui ring della politica di basso profilo, dove si può far fortuna anche se si ha solo la battuta pronta e la faccia tosta, sta facendo da portavoce del movimento Ripudia la guerra. Scopo importantissimo: organizzare un referendum sull'invio di materiale bellico a un ex attore comico diventato criminale di guerra anche a danno del suo popolo di cui, in 49 puntate televisive, in un film prodotto da lui stesso e nel partito fondato, unico ora esistente nella democratica Ucraina, si definiva "Servitore del popolo".

Ho letto diversi interventi di Pennetta: preparato, profondo nelle argomrentazioni scientifiche e, soprattutto, educato e tollerante. Sono felicissimo di questa iniziativa, che, ripeto, ritengo importantissima, e che cercherò di far conoscere negli ambienti che frequento.

Ha il grande merito di richiamarsi esplicitamente all'art. 11 della Costituzione che impone all'Italia di "ripudiare" la guerra come mezzo per risolvere le controversie internazionali. Il Prof Ugo Mattei (illustre giuristauna, vera autorità, in tanti campi del Diritto), è stato tra i primi, se non il primo, a ricordare questo "particolare" della nostra Costituzione, sottolineando, il 25/3/22 che "ripudiare" sia più forte di "rifiutare".

Tutti i sondaggi dicono che la maggioranza degli italiani sia contro l'invio di materiale bellico e di denaro, credo non solo in ottemperanza all'art. 11 che magari non ricordano o non conoscono, ma più egoisticamente, perchè quello che viene regalato a Zelensky, viene tolto a noi. In particolare a chi sta peggio.

Non fermerà la guerra, un'eventuale vittoria di chi se ne vuole uscire, prima di precipitare nel burrone? E sia, ma chiarirà di chi sia stata la responsabilità di un comportamento irresponsabile e anche anticostituzionale. Una decisione che realizza due atti di violenza: fregandosene della Costituzione e della volontà del popolo italiano. Decisione che mostra anche totale ignoranza della storia. Perché ripetere a pappagallo (anzi, a pappagalla) la storia che la responsabilità di questa sia solo di Putin? Perché, almeno in Italia, nessuno dei grandi esperti che vanno a pontificare in tv, non parla di Giulietto Chiesa che già nel 2014 sosteneva, con dati di fatto inoppugnabili, che la terza guerra mondiale sarebbe scoppiata per la questione ucraina? Perché nessuno cerca di far aprire gli occhi alle vittime del pensiero unico strombazzato da quasi tutta la stampa e le radio televisioni? Questa guerra è stata voluta dalla NATO ed era chiaro dal 2014. Segnalo uno dei documenti più illuminanti sulla "preveggenza" del grande giornalista, purtroppo scamparso nel 2020.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
armidonnekievucraina





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
FIAT e Pigna lanciano 'The Color Energy': Colore e Sostenibilità

FIAT e Pigna lanciano 'The Color Energy': Colore e Sostenibilità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.