A- A+
Politica

Il Tribunale della Citta' del Vaticano ha disposto che "in ragione del loro ufficio" non abbia luogo l'audizione di tre testi che erano stati richiesti dalla difesa dell'imputata Francesca Immacolata Chaouqui. Si tratta del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, del cardinale Santos Abril y Castello', arciprete della Basilica di Santa Maria Maggiore e arcivescovo Konrad Krajewski, elemosiniere di Sua Santita'.

Sono infatti pervenute in Cancelleria le comunicazioni di tali testi, nelle quali hanno dichiarato di volersi avvalere di quanto disposto dall'art. 248, secondo comma, del Codice di Procedura Penale che recita: "I pubblici ufficiali non possono essere obbligati a deporre su cio' che e' stato loro confidato per ragioni d'ufficio, salvo i casi in cui la legge li obbliga espressamente a informarne la pubblica autorita'?".

Il Cardinale Parolin ha tenuto, in ogni caso, ad aggiungere: "sento di dover specificare di non aver alcun elemento da riferire per quanto riguarda l'argomento su cui ero stato citato come testimone, cioe' il rapporto fra monsignore Vallejo Balda e la signora Chaouqui".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vatileaksvatilieaks parolin
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.