A- A+
Politica
Vigilanza Rai, c'è anche la condannata Montaruli di Fdi. Scoppia la protesta

Vigilanza Rai, il caso Montaruli: "La destra paladina degli onesti"

Scoppia la polemica tra maggioranza e opposizioni per la scelta fatta dal governo di nominare per la commissione Vigilanza Rai Augusta Anita Laura Montaruli, la 39enne che solo un mese fa era stata costretta a dimettersi a causa della condanna per le spese alla Regione Piemonte. Proprio il nuovo incarico affidato a Montaruli - si legge sul Corriere della Sera - ha attirato i commenti sui social («che ci fa ancora una condannata in giudicato?») e gli attacchi diretti al suo partito («la destra paladina degli onesti!»). Il fatto è che è passato appena un mese dalle sue dimissioni da sottosegretaria all’Università e alla Ricerca del governo di Giorgia Meloni: «Lo faccio per difendere le istituzioni», disse la deputata di FdI il 18 febbraio scorso, all’indomani della conferma in Cassazione della sua condanna (1 anno e 6 mesi) per le «spese pazze» (quasi 25 mila euro) fatte nel periodo in cui era consigliera regionale del Piemonte, tra il 2010 e il 2014.

Fresca di nomina in commissione di Vigilanza Rai, la deputata di Fratelli d’Italia, - prosegue il Corriere - fa sapere attraverso il suo staff che si batterà per «la garanzia del pluralismo», ma per ora preferisce non mettersi a parlare di programmi e palinsesti perché ritiene che il suo nuovo ruolo «imponga di spogliarsi di ogni eventuale preferenza personale». Quarant’anni da compiere a settembre, ora Montaruli sarà chiamata a controllare ciò che accade nella tv di Stato, assieme agli altri 41 membri nominati ieri tra Camera e Senato. Per la carica di presidente della commissione di Vigilanza si parla in queste ore di un esponente 5 Stelle: Riccardo Ricciardi o Barbara Floridia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
montarulivigilanza rai





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.